La Provincia di Biella > Attualità > Grazie a tutti voi dell’ospedale di Biella per la vostra umanità
Attualità Biella -

Grazie a tutti voi dell’ospedale di Biella per la vostra umanità

Ricoverato per 25 giorni in semintensiva

BIELLA – Sono stato ricoverato per 25 giorni  nel reparto di semintensiva- medicina di urgenza e voglio testimoniare la grande  professionalità, la grande umanità e la grande disponibilità di tutto il personale  del reparto impegnato, oltre che nelle cure, nel cercare di dare serenità alle persone  che, non potendo vedere congiunti, essendo in una situazione particolare di stress e paura di morire  necessitano di essere supportati e  rassicurati.

Leggi anche: Nella casa di riposo di Lessona creata la camera degli abbracci

Ho trovato  grandi occhi accoglienti che mi hanno fatto pensare  che non era solo, motivo sacrosanto lo stipendio,  ma c’era molto di piu, c’era umana disponibilità, oltrepiu in una situazione dove anche il personale sia medico che infermieristico che oss  rischia, come è successo, di essere contagiato e di ammalarsi e svolge il suo lavoro nonostante la paura costante  per se e per i propri familiari.

La cosa che mi è rimasta come rammarico è non poter ringraziare come avrei voluto personalmente uno ad uno tutto il personale perchè non lo conosco e non lo riconoscerò, avendone solo visto gli occhi, inoltre quando mi hanno detto che potevo uscire e c’era mia moglie fuori dal reparto che mi attendeva sono corso  fuori quasi fuggendo senza neppure salutare  tanta era la voglia di riabbracciare.

Spero che incontrandomi  per caso siano loro a  fermarmi dicendomi sono  il tuo infermiere, sono stato il tuo medico, sono l’oss che era in reparto  durante la tua malattia per poterli vedere e ringraziare. Quello che pensavo prima  del ricovero che la sanità deve essere pubblica  e deve essere potenziata, si è maggiormente avvalorato in questo mese  di degenza. E con questo ringrazio nuovamente il personale del PRONTO SOCCORSO dove ho trascorso i miei primi due giorni e tutto il personale della semintensiva.  

Piantedosi Rizzieri

© riproduzione riservata