Seguici su

Biella

Incidente al bungee center: non è successo durante il lancio, ecco com’è andata

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo le precisazioni di Michele Morganti, per conto di Diagoline Srl, sull’incidente avvenuto ieri a Veglio a proposito di come la notizia è stata riportata su alcune testate.

Gentili Direttori, spettabili Redazioni, scrivo in nome e per conto di Diagoline srl, società proprietaria del Bungee Center di Veglio, a riguardo dei fatti avvenuti ieri e di cui avete fatto cenno sulle vostre testate.

Oggi, presso il nostro Centro a Veglio, presso il Ponte della Pistolesa, è avvenuto un incidente NON durante l’attività di Bungee Jumping, ma bensì nella fase di calata a valle (non di risalita) dopo l’attività di un nostro cliente che, all’ultimo metro prima della piattaforma di arrivo, ha toccato delle pietre presenti lungo il torrente. Abbiamo letto su varie testate di un “malcapitato”, che avrebbe “urtato contro il Ponte” nella “fase di risalita” e che sarebbe “finito sotto al ponte” (ogni saltatore viene calato a fondo valle alla fine dell’attività, si tratta di una procedura corretta e consolidata), ma soprattutto che si è trattato di un incidente di Bungee Jumping e, addirittura, che si sarebbe “schiantato facendo Bungee Jumping”, per poi aggiungere che “fortunatamente la corda ha retto”. No, non si è trattato di un colpo di fortuna, le corde che produciamo nei nostri laboratori non si spezzano e, anzi, sono dotate di un sistema di sicurezza specifico.

Ventotto anni di attività, da quel lontano 1994, quando abbiamo cominciato a offrire il servizio di Bungee Jumping in Italia, anni di impegno e di dedizione seria e puntuale agli standard di sicurezza, alle procedure, ai materiali certificati. Niente è lasciato al caso, nessuna improvvisazione. Un incidente può capitare in ogni attività ludico sportiva, ma per descriverlo, in linea con il sacrosanto diritto di cronaca, non basta l’improvvisazione. Non importa in questa sede se quello che è successo sia grave o meno (al primo esame dei soccorritori non sembrava esserci nulla di grave, ma per precauzione hanno preso la decisione di portarlo via con l’elicottero), importa invece quello che resta in rete per la leggerezza di scrivere quello che non si sa, senza realmente conoscerne i contorni, infondendo un dubbio sulla sicurezza, danneggiando un’attività in modo permanente: le notizie infatti restano online per sempre, anche se vengono smentite dalla storia.

Per questo, alla luce di queste precisazioni, vi chiediamo di rettificare le notizie attualmente online, correggendo termini impropri e ricostruzioni fantasiose, diversamente ci vedremo costretti a far valere i nostri diritti nelle sedi opportune.

Precisazioni della redazione

Precisiamo, sempre per dovere di cronaca, che, per quanto riguarda laProvinciadiBiella.it, la nostra testata non ha mai scritto né che “fortunatamente la corda ha retto”, né che il ferito ha “urtato contro il ponte”, né che era “finito sotto il ponte”, né che l’incidente fosse avvenuto in fase di lancio. Precisiamo inoltre che la nostra redazione ha contattato ieri il bungee center, proprio per avere ulteriori informazioni più puntuali e dettagliate sulla dinamica, alla luce della delicatezza della vicenda, ma l’operatore al telefono ha risposto con un “nulla da dichiarare” per poi riagganciare subito dopo.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *