La Provincia di Biella > Eventi e cultura > FOTOGALLERY: lo scrittore Roversi a Pralungo per un pomeriggio tra cultura e leggenda
Eventi e cultura Circondario -

FOTOGALLERY: lo scrittore Roversi a Pralungo per un pomeriggio tra cultura e leggenda

Lo sceneggiatore di “Distretto di polizia" ha catturato l'attenzione di tutti

Sabato 14 dicembre la sala consigliare del municipio di Pralungo ha ospitato un pubblico inconsueto, radunato per incontrare lo scrittore e giornalista Paolo Roversi, noto anche per essere lo sceneggiatore di “Distretto di polizia”.

I ragazzi della seconda media hanno chiacchierato con lui del libro “Il mistero dell’ombra dell’alba”, un giallo, genere che l’autore predilige e che gli ha procurato prestigiosi premi letterari.

Il romanzo noir ha catturato l’attenzione dei ragazzi che hanno rivolto molte domande riguardanti il giovane protagonista e un mistero legato agli Etruschi alle quali Roversi ha risposto in modo esauriente, soddisfacendo pure curiosità sulla sua carriera letteraria, i suoi esordi, le sue abitudini di scrittore molto prolifico .

Il pomeriggio è poi proseguito con un tour del paese alla scoperta dei lavatoi, illuminati e “vestiti” a festa per tutto il periodo natalizio.

Le scuole, le associazioni locali e gli abitanti dei vari cantoni ne hanno curato l’allestimento con presepi artigianali, ghirlande addobbi originali e creativi.

I ragazzi di prima media in ogni lavatoio hanno rappresentato una leggenda locale dal Babi, all’Om salvej, passando ovviamente per il noto codice di Pralungo e concludendo con il Gelindo, pastore biellese che come vuole la tradizione era presente nella grotta di Betlemme.

Il giro del paese, guidato da due giovani e spigliati presentatori con mantello e lanterna, si è concluso con gli auguri cantati dai bambini delle elementari, una tazza di cioccolata calda e un bicchiere di vin brulè che hanno riscaldato un pubblico attento che ha dimostrato di apprezzare iniziative culturali e voler rispolverare le tradizioni forse rinunciando per un pomeriggio ad una frenetica corsa ai regali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *