La Provincia di Biella > Attualità > Antonio Ramella Paia racconta i suoi primi 104 anni
Attualità Circondario -

Antonio Ramella Paia racconta i suoi primi 104 anni

Ha festeggiato il compleanno

Una mente ancora ludicissima, un carattere mite e sempre sorridente. Antonio Ramella Paia classe 1915 ha raggiunto domenica scorsa la veneranda età di 104 anni. Un ambito traguardo che giustamente è stato degno di una bella festa con celebri protagonisti. Antonio ha difatti ricevuto una inaspettata visita nella sua abitazione, quella del primo cittadino Paolo Maggia e dell’assessore Elda Chiocchetti.
Tra la rievocazione dei vecchi ricordi, che Antonio giustamente conserva nel cuore e nei propri pensieri, il pomeriggio è trascorso all’insegna dell’allegria e perché nasconderlo: anche con un pizzico di malinconia.

«Sono nato a Pollone – spiega Antonio nel 1915 -. Ero il primo di quattro figli. I miei genitori facevano il mestiere dei contadini e allevatori. Un lavoro molto duro ma che allo stesso tempo regalava tante soddisfazioni. Seguendo le loro orme, nel 1947 lasciai Pollone per trasferirmi con mia moglie Irma a Tollegno, nella cascina della filatura. Avevamo un grande numero di capi di bestiame, ai quali dedicavamo tutto il nostro tempo. All’epoca non c’erano tanti hobby se non quello del lavoro».

C’era però un diversivo che Antonio Amava tanto: «Ho conosciuto tutti i bambini di Tollegno, che ora sono anziani – prosegue nel suo racconto -. Ricordo che venivano in cascina dove io li facevo avvicinare agli animali. Per loro era una grande festa: che bei momenti».
Fino alla metà degli anni ‘80, lo si vedeva ancora girare con il suo inseparabile cavallo: «Era un cavallo bianco – continua -. Un animale molto intelligente. Ricordo che salivo sul carretto e andavamo a Biella a fare le commissioni. Benché fossimo già nell’era moderna, io ed Irma eravamo ancora una coppia all’antica. Facevamo il burro a mano e i panni si lavavano ancora con la cenere. Purtroppo Irma è mancata nel 2011. Per un paio di anni ho vissuto da solo in cascina, poi mio figlio Giovanni e mia nuora Nicoletta hanno preferito – conclude Antonio – che mi trasferissi da loro a Gaglianico».

Quattro mesi fa, Antonio è diventato bisnonno di Nicholas, il figlio dei suoi nipoti Anastasia e Daniele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *