Seguici su

Cronaca

Centro massaggi a luci rosse di Roasio, condannato il proprietario per sfruttamento della prostituzione

Pubblicato

il

Quando le forze dell’ordine entrarono nel centro massaggi di Roasio posizionato lungo la strada provinciale ebbero la conferma di trovarsi in un centro di prostituzione. Giovani cinesi accoglievano i clienti in piccole stanze con materassi, ma oltre ai massaggi si faceva ben altro. Come riporta Notizia Oggi Borgosesia dopo quattro anni dall’inchiesta a luci rosse condotta dai carabinieri si è arrivati alla sentenza. A finire nei guai quattro persone: un cinese, gestore di tutte le strutture ed espulso dal territorio in quanto irregolare, due connazionali titolari dei contratti di affitto dei centri di Vercelli (assolti) e un cittadino sudamericano, residente tra vercellese e biellese e intestatario dei contratti del centro massaggi di Roasio.

Proprio il proprietario del locale è stato condannato a un anno e 5 mesi di carcere (a fronte dei 2 anni e mezzo chiesti dall’accusa) dal Tribunale di Vercelli che lo ha ritenuto responsabile di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. L’uomo residente a Masserano, secondo quanto emerso nel corso delle indagini, era a conoscenza di quanto avveniva nella struttura di Roasio che aveva affittato. Anzi, contava sui proventi del centro per sistemare un po’ le sue finanze dissestate.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com