La Provincia di Biella > Motori > Gli automobilisti amano le quattro stagioni

GDL Motori

Motori
0 commenti.

Gli automobilisti amano le quattro stagioni

Gli automobilisti amano le quattro stagioni, intese come gomme: è questo ciò che emerge dalle statistiche relative alle preferenze espresse dai guidatori

Scritto da: Developer NetweeK

pneumatici 4 stagioni

I pneumatici 4 stagioni conquistano sempre di più gli automobilisti: è questo ciò che emerge dalle statistiche sulle ricerche online nel settore gomme compiute durante il 2019. Si registra perciò un’attenzione crescente verso tale tipologia di gomme, a discapito di quelle stagionali – estive ed invernali – per le quali l’interesse è stato minore. Gli automobilisti dunque amano le quattro stagioni, potremmo sintetizzare, e i motivi sono diversi: innanzitutto un’evoluzione del prodotto, che ha reso le coperture più performanti e affidabili, ma bisogna considerare anche i cambiamenti a livello climatico, che stanno portando inverni sempre meno rigidi pure laddove una volta si doveva spesso fare i conti con neve e ghiaccio, rendendo quindi inutili le gomme invernali, più adatte a condizioni estreme.

I dati statistici

Quasi il 40% delle ricerche online – per la precisione il 38,5 – ha riguardato i pneumatici 4 stagioni, preferiti a quelli invernali, al 35,8% al secondo posto. Si tratta di un sorpasso significativo, in quanto fino all’anno precedente erano le coperture invernali quelle maggiormente cercate in rete. La comodità di poter viaggiare tutto l’anno con lo stesso treno di gomme senza doverle sostituire al cambio di stagione attrae numerosi automobilisti, a ciò si aggiunge il fatto che – pur trattandosi di una soluzione di compromesso – i pneumatici all season riescono a garantire performance sempre più complete, in grado di offrire aderenza e sicurezza alla guida sia in inverno che in estate.
Si registra dunque una crescente fiducia nei confronti di questi pneumatici, che premia gli investimenti da parte dei produttori per migliorare e rendere maggiormente affidabili e competitive nel confronto con le gomme stagionali le all season.

L’incidenza dei mutamenti climatici

Certo, a “premiare” i pneumatici 4 stagioni sono stati anche i cambiamenti climatici, che al netto di fenomeni atmosferici estremi stanno portando ad avere temperature più miti durante il periodo invernale pure in zone in cui un tempo si scendeva abbondantemente sotto lo zero e si aveva a che fare quotidianamente o quasi con strade gelate e innevate.
Ciò rende sempre meno funzionali i pneumatici invernali, studiati appunto per far fronte a condizioni critiche che però si verificano con minor frequenza. In gran parte d’Italia servono solamente per pochi giorni l’anno e sono utili quasi esclusivamente nelle zone di montagna, dove gelate e nevicate, seppur meno frequenti, restano comunque una minaccia per gli automobilisti. Per tutti gli altri, le gomme 4 stagioni svolgono egregiamente la loro funzione tutto l’anno, e così si spiega che in cima alle voci di ricerca relative ai pneumatici ci siano ben tre gomme all season: Michelin CrossClimate+, Goodyear Vector 4Seasons Gen2- e Bridgestone Weather Control A005.

E nel resto d’Europa?

In Italia i pneumatici 4 stagioni sono sempre più apprezzati, e il trend è lo stesso in tutti quei Paesi in cui il clima è temperato e gli inverni si stanno facendo più miti, come ad esempio la Spagna. Si trovano però anche risultati sorprendenti, per la precisione nei Paesi Bassi: in un’area in cui gli inverni dovrebbero essere più freddi in confronto alle zone mediterranee, le gomme all season sono le preferite dai guidatori, a testimonianza della loro elevata efficienza anche con le basse temperature. Le gomme invernali resistono invece nelle nazioni tipicamente più fredde del nostro continente, come in Germania e Polonia. I marchi più ricercati sono Michelin (in vetta alle statistiche in Francia, Gran Bretagna, Spagna e Paesi Bassi) e Goodyear (preferiti invece in Italia e Turchia e secondo marchio nelle ricerche in Francia, Germania, Regno Unito e Spagna).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *