La Provincia di Biella > Motori > Auto Bild incorona le migliori gomme estive

GDL Motori

Motori
0 commenti.

Auto Bild incorona le migliori gomme estive

Come scegliere i pneumatici per l’estate in vista del cambio stagionale? Auto Bild ha sottoposto a test le gomme estive sul mercato, decretando le migliori

Scritto da: Developer NetweeK

gomme estive

Quali sono le migliori gomme estive attualmente sul mercato? A stilare una classifica ci ha pensato Auto Bild, che ha sottoposto ai consueti test le coperture per la stagione più calda al momento disponibili in commercio e ha incoronato le più performanti, offrendoci quindi i dati per stabilire i migliori pneumatici estivi. La serie di prove ha visto coinvolti inizialmente ben 50 modelli di produttori differenti, scremati man mano fino ad arrivare ad una ristretta cerchia che è stata sottoposta a test accurati svolti da piloti professionisti, seguendo dunque il classico iter di Auto Bild, rivista che può essere considerata un punto di riferimento quando si parla di autovetture e pneumatici. Vediamo perciò quali sono le gomme per l’estate più performanti secondo il magazine tedesco.

Brilla ancora Michelin

Al primo posto c’è una conferma: il Michelin Pilot Sport 4 infatti già lo scorso anno era risultato il miglior pneumatico estivo per Auto Bild e ha ribadito anche nel 2020 la sua efficienza. In particolare, eccellenti i risultati per la frenata sull’asciutto – in cui è stato il primo in assoluto, con la minor distanza di arresto – e molto buoni quelli per la frenata sul bagnato, che mostrano perciò un prodotto completo in grado di ben comportarsi in tutte le situazioni che si verificano durante la stagione estiva, dal clima più caldo e secco a quello caratterizzato da precipitazioni improvvise. Al secondo posto una “sorpresa”: troviamo infatti il Nokian Powerproof, gomma estiva di un’azienda specializzata in pneumatici invernali, che però ha saputo trovare la giusta formula per realizzare una copertura efficiente e performante anche con le alte temperature e capace di far meglio di molti marchi della concorrenza.

Bridgestone e le sorprese in positivo

Al terzo posto ecco un colosso nel settore dei pneumatici: Bridgestone con il suo Potenza S001, gomma estiva molto performante in particolar modo sul bagnato, condizione nella quale ha fatto registrare i parametri migliori per ciò che concerne gli spazi di frenata, risultati i più contenuti in assoluto fra le venti coperture testate. Anche in questo caso dunque un pneumatico decisamente completo, affidabile sia sull’asciutto che sul bagnato nella stagione più calda dell’anno. A stupire in positivo sono stati alcuni marchi “minori”, in grado di scalzare aziende blasonate dalla top 20 delle migliori gomme estive; è l’esempio del Laufenn S Fit EQ+, sottomarca di Hankook, che ha mostrato prestazioni paragonabili su strada asciutta al prodotto di cui dovrebbe essere la seconda scelta, ovvero l’Hankook S Evo 3, facendo addirittura meglio per quel che concerne gli spazi di frenata.

Il caso Pirelli PZero

Fra i prodotti non di punta, molto buono il risultato dei Zeetex HP 200 VFM, con spazi di frenata sul bagnato piuttosto contenuti e al pari dei modelli piazzatisi nella top 10 del test di Auto Bild. È necessario fare un discorso a parte per il “caso” Pirelli PZero, addirittura rimasto fuori dai 20 migliori pneumatici estivi della rivista tedesca. Davvero le prestazioni della gomma della casa milanese non sono state nemmeno in grado di superare la prima selezione? In realtà non è così, la stessa AutoBild ha specificato di aver utilizzato un modello di questa copertura della vecchia generazione, dunque non l’ultima evoluzione capace di assicurare performance migliori in confronto alla versione precedente, che certamente avrebbero permesso al PZero di superare la prima selezione di prove della rivista. A causare il disguido sono stati i tempi di disponibilità sul mercato dell’ultima evoluzione della gomma estiva Pirelli, non ancora “pronta” quando AutoBild ha iniziato il suo test per stabilire quali sono le migliori gomme estive del 2020.