La Provincia di Biella > Economia > Massimo Vigo nuovo amministratore delegato di Banca Sella
Economia Biella -

Massimo Vigo nuovo amministratore delegato di Banca Sella

Al posto di Claudio Musiari

Banca Sella continua, come sempre, a macinare utili: quello del 2019 si è chiuso a 35,4 milioni di euro, in crescita del 39,5% rispetto ai 25,4 milioni di euro dell’anno precedente. C’è però una novità. A partire dal prossimo mese di aprile il nuovo amministratore delegato e direttore generale della banca sarà l’attuale responsabile della Rete Massimo Vigo che andrà a sostituire lo storico Claudio Musiari, aggettivo più che mai azzeccato visto che è nel Gruppo Sella da 44 anni al termine dei quali ha deciso per il meritato pensionamento.

Claudio Musiari

In Banca Sella da 11 anni, Massimo Vigo è dal settembre 2014 responsabile Rete e Mercati commerciali mentre dal 2009 al 2013 è stato responsabile Private Banking. Prima di approdare in Sella è stato per 16 anni in Intesa Sanpaolo. E’ laureato all’Università Cattolica del Sacro Cuore, facoltà di Giurisprudenza. I buoni risultati dell’anno sono stati accompagnati da una ulteriore accelerazione del processo di trasformazione digitale, finalizzato a dare un servizio sempre più incentrato sulla consulenza personalizzata, sulle tecnologie innovative e sull’open banking.

Banca Sella, infatti, si è confermata tra le principali realtà italiane dell’open banking mettendo a disposizione dei clienti 190 Api (Application Programming Interface) che hanno generato circa 6 milioni di call nell’ultimo mese del 2019, cresciute di oltre 4 volte in un anno. Le Api di Banca Sella sono disponibili sulla piattaforma promossa dal gruppo, Fabrick, che ne espone complessivamente 470 e rappresenta la principale piattaforma italiana.

I risultati hanno evidenziato una crescita della raccolta globale al valore di mercato del 9,2% rispetto allo scorso anno, raggiungendo i 27,9 miliardi di euro. La componente di raccolta diretta è cresciuta del 10,3%, attestandosi a 11 miliardi di euro. In crescita anche gli impieghi a supporto delle attività di famiglie e imprese, che hanno registrato un incremento del 5%, attestandosi a 7,4 miliardi di euro. L’Npl Ratio netto è ulteriormente migliorato, scendendo al 3,5% rispetto al 4,5% dello scorso anno.

I ricavi netti da servizi sono aumentati del 6,7% e il margine d’interesse è rimasto stabile, portando il margine di intermediazione complessivo a 366,6 milioni di euro, in crescita del 3,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il buon andamento di Banca Sella si inserisce e contribuisce al quadro dei risultati positivi ottenuti dal gruppo Sella, che ha registrato un utile netto di 33,4 milioni di euro (ai quali vanno aggiunti 7,6 milioni di euro di utile di competenza dei terzi), in crescita del 36,2% rispetto ai 24,5 milioni di euro dello scorso anno, sui quali aveva inciso positivamente la componente straordinaria della cessione della partecipazione in Banque Martin Maurel Sella. Senza considerare le componenti non ricorrenti, a perimetro confrontabile, l’utile netto di quest’anno sarebbe stato di 37,1 milioni di euro, in crescita del 57% rispetto ai 23,6 milioni di euro dell’anno precedente.

Tra le realtà di questo ecosistema ci sono la principale piattaforma italiana di open banking Fabrick e Hype, che ha superato il milione di clienti diventando così la seconda challenger bank dell’Europa continentale per numero di clienti. Il gruppo inoltre ha dato vita a Centrico, una nuova società tecnologica specializzata per fornire soluzioni uniche di digital banking e servizi di Information Technology e Business Process Outsourcing anche ad altre banche, fintech e operatori finanziari innovativi.

I risultati consolidati al 31 dicembre 2019, inoltre, hanno evidenziato l’andamento positivo della raccolta. Quella globale al valore di mercato è cresciuta del 10,3% a 39,4 miliardi di euro, mentre la componente di raccolta diretta è cresciuta di 1,2 miliardi di euro (+10,1%) attestandosi a 12,8 miliardi di euro. Gli impieghi sono cresciuti del 4% a 8,4 miliardi di euro. L’NPL ratio netto è sceso al 3,6%. L’indice Texas Ratio, pari al 46,3%, si è confermato tra i migliori del sistema bancario italiano.

In crescita i ricavi netti da servizi (+13,4% a 355,6 milioni di euro), il margine di interesse (+2,9% a 237,4 milioni di euro) e il margine di intermediazione (+8,9% a 593 milioni di euro).

Confermata la solida posizione patrimoniale con il CET1 che si è attestato a 11,42% e il Total Capital Ratio a 13,47%, entrambi ampiamente superiori alle soglie richieste. Positivi gli indicatori relativi alla liquidità: l’indice LCR (Liquidity Coverage Ratio) è pari a 191,3%, mentre l’indice NSFR (Net Stable Funding Ratio) è pari a 136,8%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *