La Provincia di Biella > Economia > EGO International, il commercio estero e i risultati di Biella
EconomiaBiella -

EGO International, il commercio estero e i risultati di Biella

A trainare l'export locale sono i settori tradizionali dell'economia biellese

Sono i settori tradizionali dell’economia biellese a trainare l’export locale che, nell’ultimo anno, è cresciuto in maniera importante vantando cifre che superano quelle della media nazionale. Lo sottolineano i commenti degli esperti del settore, e le opinioni di EGO International attiva nella consulenza per l’internazionalizzazione aziendale (www.egointernational.it). La compagnia esprime recensioni e opinioni su tematiche interessanti per gli imprenditori desiderosi di intraprendere un percorso di vendita all’estero.

Secondo le recensioni degli esperti, il valore totale delle merci biellesi vendute all’estero nel primo semestre ha superato il miliardo di euro, un aumento del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Cifre che confermano la voglia di esportare degli imprenditori piemontesi e di Biella in particolare. La buona capacità da parte di aziende e PMI locali di interfacciarsi con i mercati esteri è infatti nota da tempo. I pareri di EGO International sulle potenzialità dell’export biellese sono particolarmente positivi.

Da tempo l’Srl di Rimini ha evidenziato i punti di forza delle tradizionali industrie del territorio, indicando il distretto del tessile di Biella come uno dei punti di forza dell’economia locale. Nonostante gli anni della crisi, il distretto continua a produrre il 40% dei tessuti per l’alta moda mondiale. Il tessile di Biella si inserisce dunque perfettamente nel contesto complessivo del Piemonte, la quarta regione più importante per le esportazioni italiane.

EGO International pareri sulle esportazioni piemontesi

Secondo le opinioni e i pareri di EGO International il valore delle vendite all’estero piemontesi supera la media europea. Tra le industrie più interessanti, insieme al tessile, si distinguono i seguenti settori:

  • Plastica e gomma: +7.4 nel primo semestre dell’anno (dati Unioncamere Piemonte)
  • Metallurgia: +5.6%
  • Macchinari: +2.8%

Le opinioni della Srl di Rimini indicano anche l’importanza dell’alimentare, specialmente per quanto riguarda l’esportazione di carne. Impossibile poi ignorare le ottime performance dei distretti dei vini di Langhe, Monferrato e Roero, vero e proprio simbolo della qualità dell’enologia italiana.

L’offerta Made in Piemonte sui mercati internazionali è dunque piuttosto vasta.
Dall’agricoltura di Vercelli, al tessile di Biella, il tessuto imprenditoriale della Regione è caratterizzato da grande diversità, un punto di forza certamente importante per affrontare le sfide dell’economia moderna con successo. D’altronde la vendita all’estero rappresenta sempre più una vera e propria ancora di salvezza per le imprese che vogliono sfruttare la qualità e la competitività delle loro merci per crescere grazie alle opportunità del commercio globale. Quello dell’esportazione e dell’internazionalizzazione è un percorso che coinvolge numerose imprese, un punto di forza da non sottovalutare per la nostra regione, che continua a dare risultati importanti a chi ha l’abilità e l’intraprendenza di affrontare la concorrenza globale.

Come indicato nelle recensioni e nei pareri di EGO International, pianificazione, conoscenza e capacità di visione sono i requisiti essenziali per puntare su di un’avventura commerciale di questo tipo. Le opportunità sono allettanti, e le imprese biellesi e piemontesi dimostrano di avere le carte in regola per cavalcare l’onda della vendita all’estero con successo. Una strategia che da tempo contribuisce a creare ricchezza sul territorio, e che in futuro potrebbe rivelarsi sempre più importante per l’economia locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente