La Provincia di Biella > Cronaca > “Non ho perso il controllo da solo: mi hanno tagliato la strada”
Cronaca Cossatese -

“Non ho perso il controllo da solo: mi hanno tagliato la strada”

Parla il 19enne protagonista dello spaventoso incidente

incidente superstrada

“Non ho perso il controllo da solo, un’altra auto mi ha tagliato la strada”. Sono le parole del 19enne protagonista dello spaventoso incidente avvenuto lunedì mattina lungo la superstrada.

Non ha fatto tutto “da solo”

In un primo momento era sembrato che avesse fatto tutto autonomamente, senza che altri veicoli fossero coinvolti, ma il giovane automobilista ha spiegato di essersi schiantato contro il guard-rail a causa di un’altra vettura.

L’altra auto non si è fermata

A provocare il grave incidente, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, considerate le condizioni in cui è stata trovata la Bmw X1, sarebbe stato un pirata della strada alla guida di una vecchia Clio bianca. L’automobilista avrebbe tagliato la strada al ragazzo, che come ogni mattina si stava recando al lavoro, e poi si sarebbe dileguato facendo perdere le proprie tracce.

“Arrivato sotto al ponte – ricorda il giovane biellese -, una vecchia Clio bianca mi ha tagliato la strada. Io ho inchiodato e nel momento in cui ho frenato, sulla strada che era viscida, la macchina non ha più risposto ai comandi e ho iniziato a sbattere destra e sinistra”.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco e i carabinieri, per raccogliere le deposizioni del 19enne e dei testimoni che hanno assistito all’incidente. Ora si sta cercando l’automobilista che ha causato lo schianto.

L’auto è distrutta, ma il conducente non è grave

incidente superstrada Il ragazzo adesso è a casa con problemi a una rotula e alcuni traumi alla testa, ma fortunatamente le sue condizioni non sono gravi e se la caverà.

La sua speranza è che la persona che lo ha lasciato tra le lamiere contorte della sua automobile si rivolga alle forze dell’ordine per assumersi le proprie responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente