Seguici su

Cronaca

Migliorano le condizioni di Massimiliano Gaggino

Pubblicato

il

«Alcuni giorni fa sono riuscito a parlargli. Per poco tempo però, perché ovviamente viste le sue condizioni non deve affaticarsi».
Fanno ben sperare le parole che arrivano dall’ex consigliere regionale Lorenzo Leardi, amico di famiglia di Massimiliano Gaggino.
Il consigliere comunale, tuttora ricoverato al Cto di Torino, nei giorni scorsi è stato gradualmente risvegliato dai medici. Si trovava infatti in stato di coma farmacologico dalla notte del pericolosissimo incidente domestico in cui era rimasto gravemente ustionato.
La cautela resta massima, ma le poche informazioni che arrivano da Torino sembrano essere positive. Il noto parrucchiere di Biella è cosciente e lucido.
«Sono andato a trovarlo di nuovo oggi pomeriggio – spiega Leardi -, stava dormendo e non l’abbiamo svegliato. E’ meglio che riposi. Tuttavia mi sembrava tranquillo. Aveva il viso sereno e rilassato, già solo questo apre il cuore. Sulle sue condizioni cliniche però non posso esprimermi, anche perché non sono un medico. Come tutti mi auguro che migliori e che si riprenda il prima possibile».
L’incidente
Il 49enne Massimiliano Gaggino, molto conosciuto in città e non solo per l’attività politica e per quella teatrale, a fine dicembre è rimasto coinvolto in un grave incidente nella propria abitazione di Chiavazza, venendo investito da una fiammata mentre si trovava vicino a una stufa a bioetanolo. Provvidenziale la presenza della moglie, che lo ha immediatamente soccorso in attesa dell’arrivo del 118. Vista la tipologia delle ferite, Gaggino è stato poi trasferito al Cto, ospedale torinese specializzato nel trattamento delle ustioni.
Dopo averlo tenuto in coma farmacologico per i primi giorni, i medici hanno iniziato lentamente a diminuire le dosi dei sedativi affinché si risvegliasse.
Il percorso di guarigione probabilmente sarà lungo, ma l’esponente di Forza Italia, oltre a familiari e amici stretti, accanto a sé ha un’intera città che lo sostiene e aspetta di vederlo finalmente tornare a casa.

«Alcuni giorni fa sono riuscito a parlargli. Per poco tempo però, perché ovviamente viste le sue condizioni non deve affaticarsi».
Fanno ben sperare le parole che arrivano dall’ex consigliere regionale Lorenzo Leardi, amico di famiglia di Massimiliano Gaggino.
Il consigliere comunale, tuttora ricoverato al Cto di Torino, nei giorni scorsi è stato gradualmente risvegliato dai medici. Si trovava infatti in stato di coma farmacologico dalla notte del pericolosissimo incidente domestico in cui era rimasto gravemente ustionato.
La cautela resta massima, ma le poche informazioni che arrivano da Torino sembrano essere positive. Il noto parrucchiere di Biella è cosciente e lucido.
«Sono andato a trovarlo di nuovo oggi pomeriggio – spiega Leardi -, stava dormendo e non l’abbiamo svegliato. E’ meglio che riposi. Tuttavia mi sembrava tranquillo. Aveva il viso sereno e rilassato, già solo questo apre il cuore. Sulle sue condizioni cliniche però non posso esprimermi, anche perché non sono un medico. Come tutti mi auguro che migliori e che si riprenda il prima possibile».
L’incidente
Il 49enne Massimiliano Gaggino, molto conosciuto in città e non solo per l’attività politica e per quella teatrale, a fine dicembre è rimasto coinvolto in un grave incidente nella propria abitazione di Chiavazza, venendo investito da una fiammata mentre si trovava vicino a una stufa a bioetanolo. Provvidenziale la presenza della moglie, che lo ha immediatamente soccorso in attesa dell’arrivo del 118. Vista la tipologia delle ferite, Gaggino è stato poi trasferito al Cto, ospedale torinese specializzato nel trattamento delle ustioni.
Dopo averlo tenuto in coma farmacologico per i primi giorni, i medici hanno iniziato lentamente a diminuire le dosi dei sedativi affinché si risvegliasse.
Il percorso di guarigione probabilmente sarà lungo, ma l’esponente di Forza Italia, oltre a familiari e amici stretti, accanto a sé ha un’intera città che lo sostiene e aspetta di vederlo finalmente tornare a casa.