La Provincia di Biella > Attualità > Voglio vivere con mia figlia
Attualità Circondario -

Voglio vivere con mia figlia

L'appello di Enrico Gallina

Voglio vivere con mia figlia.
L’appello di Enrico Gallina
Vuole rivedere sua figlia e tornare a vivere con lei. Enrico Gallina ha 78 anni, una passione per il podismo con diverse vittorie. «Correvo per la Fiat – racconta -. Sono stato anche campione italiano Master nel 1985». Dopo aver vissuto tra Chivazza, basso Biellese ora si è trasferito da qualche anno a Bioglio. Dopo la pensione si era trasferito in Thailandia da dove è tornato con sua figlia, che però ora le è stata tolta. «Da cinque anni sono costretto a vedere mia figlia di 16 anni solo ogni tanto in una casa famiglia». La ragazza era nata in Thailandia, dove Gallina si era trasferito per qualche tempo dopo la pensione. «Avevo conosciuto la mia seconda moglie e avevamo avuto una figlia – spiega l’uomo che ora vive a Bioglio -. Sono tornato a vivere nel Biellese con la bambina. Si chiama Mirka Lisa Rosa. Stavamo bene insieme, andava a scuola. Poi me l’hanno tolta». Gallina ha iniziato la sua battaglia che però non ha portato a nulla. «Ormai viviamo separati – spiega -. Io qui a Bioglio e lei in una casa famiglia. Lei è mia figlia, ho tutti i documenti in regola, ma me l’hanno tolta e questo non è giusto». Eppure in Thailandia le cose andavano bene. «Ci sono andato dopo la pensione, mi sono risposato ed è nata la mia bambina – spiega -. In Thailandia ho fatto una casa, ma volevo farla crescere in Italia». Enrico Gallina in Thailandia era una persona conosciuta grazie alla sua passione per la corsa. «Avevo vinto anche diverse gare della mia categoria – spiega mentre mostra la sua bacheca piena di medaglie -. Sono stato ben accolto e onorato in quel paese. Adesso invece da cinque anni mi trovo senza mia figlia e la devo vedere solo qualche volta. Ho cercato sempre di darle tutto per poterla crescere al meglio. Sono una persona per bene e chiedo solo di poter crescere mia figlia, tutto qui».

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente