La Provincia di Biella > Attualità > Tenta di cacciare una volpe dal giardino ma succede qualcosa di imprevisto
Attualità Biella -

Tenta di cacciare una volpe dal giardino ma succede qualcosa di imprevisto

E' successo al Vandorno

Tenta di cacciare una volpe dal giardino ma succede qualcosa di imprevisto.

Una storia da raccontare

La volpe è nota per l’astuzia e la furbizia, non per il coraggio. Eppure di fegato ne ha avuto parecchio l’esemplare che, sorpreso in giardino da un uomo, anziché darsi alla fuga… lo ha attaccato. E’ un arzillo pensionato biellese il protagonista della disavventura vissuta nella tarda mattinata di lunedì al Vandorno. Stava tagliando il prato e strappando le erbacce, quando improvvisamente si è accorto dell’ospite. Ha quindi tentato di cacciarla, non immaginando certo che sarebbe stata un’impresa così ardua. L’animale selvatico, infatti, non voleva saperne di battere in ritirata. Di fronte alla sua cocciutaggine, l’anziano biellese ha afferrato un bastone nel tentativo di intimorirla ed essere più “convincente”. Al contrario, la volpe non ha apprezzato e lo ha attaccato, riuscendo ad azzannarlo due volte alla mano sinistra. Alla fine, dopo diversi minuti, l’uomo è riuscito ad avere la meglio: la visitatrice si è dileguata nel bosco vicino all’abitazione. Viste le ferite riportate, il pensionato è stato accompagnato dalla figlia al pronto soccorso, dove ad attenderlo c’erano analisi, punture e vaccini come l’antirabbica. E’ uscito dall’ospedale con una prognosi di sei giorni e una cura antibiotica da seguire per oltre una settimana. Nel corso della serata, infine, gli è salita la febbre. Nessuna conseguenza grave, dunque, anche se lo sfortunato protagonista è rimasto parecchio stupito, non avendo mai visto una volpe attaccare gli esseri umani.
D’altro canto, citando l’etologa Caterina Gromis di Trana: “La volpe vive in un mondo di mezzo tra cani e gatti, un universo tutto suo dove non teme la presenza dell’uomo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente