Seguici su

Attualità

Sindaco novarese è giunto in bici a Roma per restituire i 600 euro a Conte

Pubblicato

il

E’ durato circa un’ora e mezza l’incontro tra il sindaco di Divignano Gianluca Bacchetta e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Dopo un giorno di attesa passato a Roma infatti, Bacchetta è riuscito a coronare il suo sogno. Venerdì 1° maggio era partito a piedi dalla sua Divignano per protestare simbolicamente con il Governo per le misure prese a sostegno delle attività di ristorazione chiuse per l’emergenza Covid-19. Perché Bacchetta, conosciuto da tutti con il soprannome di “Gilu”, è anche il noto titolare di un pub a Pombia. L’intenzione all’inizio della sua impresa era quella di restituire i 600 euro ricevuti dal Governo, considerati “un’elemosina”, direttamente a Conte.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *