La Provincia di Biella > Attualità > Scuola, cedolini degli stipendi non sempre esatti
AttualitàBiella -

Scuola, cedolini degli stipendi non sempre esatti

In cinque anni sono stati “recuperati” 300mila euro

Scuola, cedolini degli stipendi non sempre esatti
In cinque anni sono stati “recuperati” 300mila euro
Siamo certi che lo stipendio mensile risultante dalla busta paga degli addetti del settore scuola sia sempre esatto? Nella stragrande maggioranza dei casi la risposta è positiva ma c’è anche chi, dopo i necessari controlli, si è accorto di ricevere meno del dovuto Così negli ultimi cinque anni a seguito delle verifiche effettuate dall’apposito ufficio della Cgil, 47 dipendenti hanno potuto recuperare oltre 300mila euro.
Il bilancio è stato fornito in occasione dei cinque anni esatti di attività dell’apposito ufficio di via Lamarmora.
«Il primo recupero stipendiale da noi ottenuto – afferma Marco Ramella Trotta della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil di Biella – risale infatti a cinque anni fa quando, era il marzo 2014, abbiamo fatto recuperare ad un docente della provincia un credito pari a 7.321 euro lordi. In questi cinque anni abbiamo proseguito con la verifica sistematica delle buste paga di tutto il personale a tempo indeterminato delle scuole della nostra provincia. Il lavoro non è davvero mancato. Ad oggi sono circa 500 le posizioni individuali che abbiamo verificato, effettuando un puntuale controllo e raffronto del cedolino stipendiale con la ricostruzione di carriera e con i successivi inquadramenti stipendiali. Delle pratiche analizzate ne abbiamo trovate 47 necessarie di un intervento correttivo».
«Questo ha consentito ai lavoratori interessati – prosegue il responsabile sindacale – un recupero crediti complessivo pari a 305.175 eruo lordi. Un singolo lavoratore ha recuperato ben 22.989 euro, in media il recupero è stato di circa 6.500 euro a testa».
La “fama” acquisita dal servizo si è sparsa anche fuori dal Biellese tanto che diversi lavoratori si sono rivolti in via Lamarmora anche da territori limitrofi. «Su una decina di pratiche fino ad ora controllate – continua Trotta – ne abbiamo trovate due errate. Siamo prontamente intervenuti affinché venissero effettuate le dovute correzioni e, nei prossimi mesi, questi due lavoratori percepiranno migliaia di euro di arretrati. Raggiunta e superata la cifra complessiva di 300.000 euro intendiamo proseguire con il nostro servizio affinché tutto il personale docente e ata a tempo indeterminato abbia la certezza di percepire il giusto stipendio o, in caso contrario, di ottenere il giusto adeguamento con gli arretrati che, come abbiamo visto, spesso ammontano a migliaia di euro. Il nostro controllo permette inoltre di avere il dettaglio della propri aprogressione di carriera futura, così da sapere con precisione la tempistica dei successivi scatti stipendiali e degli interventi correttivi che dovessero rendersi necessari. I controlli che effettuiamo sono gratuiti per tutti, iscritti e non iscritti alla FLC CGIL».
Per il controllo individuale è sufficiente fare pervenire un cedolino stipendiale recente e copia della ricostruzione di carriera e di eventuali inquadramenti stipendiali successivi. Ogni informazione può esserci chiesta tramite email a biella@flcgil.it oppure direttamente all’ufficio di Biella..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente