La Provincia di Biella > Attualità > Mi piacerebbe fare il sindaco di Cossato
Attualità Circondario -

Mi piacerebbe fare il sindaco di Cossato

Parla Felice Bocchio Chiavetto

Mi piacerebbe fare il sindaco di Cossato
Parla Felice Bocchio Chiavetto
Felice Bocchio Chiavetto. E’ lui il personaggio cossatese che sta ottenendo più voti nel concorso: “Vota il tuo sindaco” promosso dal nostro bisettimanale.
Si sarebbe mai aspettato un risultato del genere?
«Assolutamente no. Non nascondo la mia contentezza. Ciò vuol dire sono ben voluto. Io giro tanto per la città. Mi fermo a parlare con la gente, passo così il mio tempo approfittando del fatto di essere pensionato».
La politica quindi le piace?
«Sono iscritto nella Lega dal 2009. Dall’inizio di quest’ultima legislatura Corradino ricopro l’incarico da presidente del consiglio comunale. Mi trovo bene con Claudio e la sua giunta. E’ il sindaco di tutti, una persona semplice, alla mano come si suol dire. Spero che gli sia data la possibilità di candidarsi a Biella in vista delle prossime elezioni amministrative, lo meriterebbe molto. Sarebbe in grado di trascinare il capoluogo a un netto cambiamento».
Lei invece a che cosa ambisce in vista delle amministrative?
«Ma guardi, io appoggerò in tutto e per tutto le decisioni che prenderà il partito. Non nascondo il fatto che, se mi fosse data l’opportunità di candidarmi a sindaco di Cossato non la sprecherei di sicuro».
E’ in perfetta sintonia con tutto ciò che la Lega sta facendo a livello nazionale?
«Ma certamente. Matteo Salvini è un grande politico. Sta portando avanti i suoi progetti egregiamente, lo dimostrano i tanti consensi che sta riscuotendo, basta prendere in analisi il risultato ottenuto qualche giorno fa in Abruzzo in occasione delle regionali. La Lega ha ottenuto il 28 per cento».
La scia nazionale dunque sarà dunque determinante su risultati delle prossime amministrative?
«Assolutamente si. Ripeto, Salvini sta portando avanti un buon lavoro, la gente, anzi, gli elettori lo sanno, i risultati sono li da vedere».
Un saluto a chi lo mandiamo?
«A tutti, amici, elettori, cittadini e perchè no? anche agli antagonisti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *