Seguici su

Sport

Tutto pronto per il Waterfestival 2021

Nel fine settimana la grande motonautica fa tappa al Lago di Viverone

Pubblicato

il

VIVERONE – Questo è il grande fine settimana del Watefestival di Viverone. La kermesse è giunta alla settima edizione e per la terza volta di fila viene organizzata dal Rainbow Team Association, la scuderia di motonautica dell’ex campione mondiale di Motonautica F1 H20 Fabrizio Bocca, iridato nel 1992 e ora presidente dell’associazione e allenatore delle leve giovanili.

Dopo i successi del 2019 e del 2020 del Gran Premio, reso possibile dalla collaborazione con il Comune di Viverone, la Regione Piemonte, Uim (Union International Motonautique) e Fim (Federazione Italiana Motonautica), il Waterfestival 2021 sarà un’occasione non solo per confermare la presenza del Rainbow Team a livello nazionale e internazionale, ma per riportare turismo e attenzione al territorio biellese, utili per la rinascita post-Covid.

Vero protagonista del prossimo fine settimana – la kermesse è in programma da venerdì 3 a domenica 5 settembre – è lo sport appunto con il “VII Gran Premio di Motonautica”. Memori dei grandi successi dei due anni precedenti, le acque del Lago di Viverone tornano nuovamente terreno di sfida per i drivers impegnati nelle varie gare, valevoli per il Campionato Europeo di Formula 4, il Campionato Italiano di Formula Junior Elite, il Campionato Italiano GT30 e l’International Uim Race di Formula 2. Verrà inoltre assegnato il titolo di Campionato Italiano per la Finale Formula 2.

Nutrita la schiera dei pretendenti al successo finale. Tra i nomi di spicco, nel Campionato Europeo di Formula 4, brilla quello del lettone Nikita Lijcs, che nel 2019 ha vinto il Gran Premio nella medesima categoria, mentre l’anno scorso non è riuscito ad arrivare sul podio. Sempre in Formula 4 torna a gareggiare anche il casalese Oleg Bocca, che quest’anno per la prima volta corre in due categorie importanti: dopo il saluto alla Formula Junior, continua la sua avventura in GT30, il cui debutto nel fine settimana del 31 luglio e 1° agosto a San Nazzaro d’Ongina gli ha portato in dote un importante primo posto. E sempre in GT30 saranno ai nastri di partenza altri quattro allievi del Rainbow Team: Anja Regonelli, Mauro Cavalloni, Marco Meneghello, Christian Spatola.

Come già l’anno scorso, però, fondamentale è la ripartenza dopo il lockdown. «Per noi anche lo sport deve e può ripartire – spiega l’allenatore e organizzatore Fabrizio Bocca -. In più il nostro lo fa con tutte le precauzioni per il Covid: il distanziamento in acqua tra gli atleti è garantito e ognuno di loro è isolato a bordo della propria imbarcazione. Anche sul paddock saranno garantite tutte le misure necessarie. Avremo con noi igienizzanti e mascherine. Gli ospiti, i parenti dei driver che verranno dall’estero e tutti i turisti saranno al sicuro, come indicato nel nuovo protocollo sicurezza della Federazione Italiana Motonautica a seguito delle disposizioni del Coni».

«E poi ci divertiremo e porteremo turismo a un luogo che in questo periodo ha tanto patito la crisi portata dalla pandemia – conclude -. Siamo orgogliosi e lieti che proprio la motonautica possa servire per risollevare il Biellese».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *