Seguici su

Cronaca

Tempio crematorio, la procura dice no al comune

Pubblicato

il

Tempio crematorio, la procura dice no al comune. La vicenda è ancora lontana da una risoluzione.

Tempio crematorio, la procura dice no al comune

L’amministrazione comunale parrebbe infatti voler rimettere in funzione la struttura, posta sotto sequestro dai carabinieri alla fine di ottobre. Struttura peraltro è ancora in concessione alla Socrebi, società amministrata da Alessandro Ravetti, che resta in carcere. La soluzione prospettata dal comune sarebbe quella di mettere sotto sequestro la Socrebi, che verrebbe così gestita da un amministratore giudiziario. In questo modo l’impianto potrebbe tornare a funzionare.

Ma, appunto, la procura ha risposto seccamente di no, bloccando tutto. Inoltre i magistrati hanno affidato le chiavi a un nuovo custode, un commercialista, anziché al precedente custode del cimitero.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com