La Provincia di Biella > Cronaca > Gli scassinano l’auto e poi la casa: denunciati due uomini residenti nel Biellese
Cronaca Biella -

Gli scassinano l’auto e poi la casa: denunciati due uomini residenti nel Biellese

Potrebbero essere responsabili di altri furti simili

Gli forzano la portiera dell’auto e dopo aver recuperato le chiavi di casa all’interno del veicolo si introducono nella sua abitazione. All’uomo, vittima di questi episodi non era restato nulla da fare se non sporgere denuncia. Ed è stato proprio un particolare nella sua deposizione che ha aiuto gli Agenti di Polizia a risalire ai probabili responsabili del doppio furto.

I fatti

L’estate scorsa un uomo aveva denunciato un doppio furto. Prima la sua auto era stata scassinata, poi i ladri si erano impossessati delle chiavi della sua abitazione, lasciate in macchina, e, grazie al libretto di circolazione, erano riusciti a risalire all’indirizzo di casa sua. Qui, nonostante avessero le chiavi per un difetto della serratura erano stati costretti a forzare la porta, una volta introdotti nell’appartamento però non erano riusciti a rubare nulla ed erano andati via a mani vuote. La vittima che si trovava ad una festa nel Biellese Orientale quando si era accorto di ciò che era accaduto aveva sporto immediatamente denuncia.

La denuncia

Proprio durante la deposizione aveva fornito un particolare che si è poi rivelato molto utile alle indagini della Polizia, ovvero nel parcheggio dove aveva lasciato l’auto aveva notato un’utilitaria azzurra con a bordo tre individui sospetti. Proprio gli accertamenti sul mezzo effettuati dagli uomini diretti dal commissario capo Castrenze Cagliari hanno permesso di risalire ai presunti responsabili del tentato furto.

I responsabili

Si tratta di L.G., 45 anni, e A.G., 29., entrambi di etnia Sinti e residenti nel Biellese. Le indagini della Polizia non sono però concluse, gli Agenti, infatti, sospettano che i due uomini siano coinvolti in altri furti che per tipologia sono molto simili a quello per cui sono stati denunciati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *