Seguici su

Biella

Dopo l’incidente inveisce e se ne va a fari spenti. “Aiutatemi a ritrovarlo”

Disavventura per una donna di Biella protagonista di un incidente. Prima l’altro automobilista le ha inveito contro, poi è scomparso nel nulla

Pubblicato

il

incidente

BIELLA – Brutta avventura per una donna di Biella protagonista di un incidente che, oltre allo shock provocato dal sinistro stesso, prima si è vista parare davanti un uomo che ha cominciato ad inveire e, dopo un secondo, ha visto lo stesso scomparire nel nulla.

E’ lei stessa a raccontare quanto accaduto verso le 18.30 di giovedì scorso in via Trento angolo via Zara a Biella.

«Ero appena uscita dal gommista e mi era immessa in via Trento, stavo andando veramente piano anche perché in quel punto c’è una chiesa dove spesso ci sono bambini, mi sono avvicinata all’incrocio fermandomi per dare la precedenza. Non vedendo arrivare nessuno sono ripartita e a quel punto ho solo sentito una gran botta».

Non si è resa conto di cosa stava accadendo?

No. Ho guardato prima di partire e non avevo visto nessuno, è vero che piovigginava e l’illuminazione lì non è delle migliori, ma non ho visto nessuna macchina avvicinarsi, nessuna luce di un veicolo venire da quella direzione.

incidentePerò un’autovettura c’era?

Sì, ma aveva i fari spenti ed era nera, un’auto fantasma insomma.

E poi cosa è successo?

Sono scesa dall’auto e anche il conducente dell’“auto fantasma” è sceso e ha cominciato ad inveire dicendo cose irripetibili. Dopo il suo sfogo, senza che io potessi fare nulla, all’improvviso è risalito in macchina e si è dileguato.

E lei cosa ha fatto?

Ero sotto shock già per l’incidente, la sua fuga mi ha lasciato di sasso.

Saprebbe riconoscerlo?

Posso solo dire che era abbastanza alto, potrebbe avere un’età compresa tra i 40 e i 50 anni ed è sicuramente italiano. Altri dettagli non saprei fornirli neanche sulla vettura, so solo che era nera, non una macchina di grandi dimensioni, e viaggiava con i fari spenti. Purtroppo, ero veramente sconvolta e tutto è durato pochi minuti.

Quindi si è trovata sola, sotto la pioggia e con la macchina incidentata…

Esattamente, aggiungo anche non marciante. L’impatto è stato molto violento, l’unica fortuna è che viaggiavo sola e nessuno si è fatto male. Ma i danni sono veramente ingenti. Ho chiamato il 112 e sul posto è arrivata la Polizia Locale che si è occupata dei rilievi e di raccogliere la mia deposizione e quella di alcuni testimoni. Purtroppo, però, nessuno è riuscito ad annotarsi la targa.

E la Polizia cosa le ha detto?

Hanno aperto un’indagine, stanno visionando tutte le telecamere della zona e cercando di risalire al responsabile, anche lui deve aver riportato importanti danni alla carrozzeria, se non addirittura al motore, visto la violenza dell’impatto… magari anche grazie a quello riusciranno a scoprirne l’identità. Io, dal canto mio, sono veramente demoralizzata, mi chiedo come ci si possa comportare così, girare con i fari spenti, scendere dall’auto, inveire contro una donna e poi andarsene. A questo proposito mi permetto di fare un appello a chiunque abbia visto o sappia qualcosa: aiutatemi a trovare l’ennesimo pericoloso irresponsabile della strada.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com