La Provincia di Biella > Attualità > Sanità piemontese, preoccupazione per i conti delle Asl
Attualità Biella -

Sanità piemontese, preoccupazione per i conti delle Asl

Parla l'assessore Icardi

Sanità piemontese, preoccupazione per i conti delle Asl

Incontrando il 1° agosto i direttori delle aziende sanitarie, l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, ha ribadito le preoccupazioni per l’andamento economico del sistema sanitario regionale, rilanciando gli obiettivi di risanamento dei bilanci: “I conti vanno molto male e occorre intervenire subito – ha dichiarato – Quello che mi aspetto da voi è che vi sia una potente sterzata, con una riduzione delle spese. Questo Governo non assisterà passivamente alla generazione di un disavanzo in grado di minare la sostenibilità del servizio, finendo col privare i piemontesi della possibilità di effettuare le proprie scelte in tema di sanità pubblica”.

Icardi ha poi ricordato che “la Costituzione Italiana, a cui tutti siamo soggetti, prevede il pareggio di bilancio” e ribadito che “il disavanzo va evitato attraverso la programmazione e l’attento monitoraggio dei costi, mediante un atteggiamento proattivo nella gestione delle risorse. Le aziende sanitarie regionali facciano lavorare i propri controlli di gestione, proseguano o promuovano eventuali confronti fra i territori, e le attuali differenze di spesa, a parità di servizio, vengano presto ridotte. Mi aspetto – ha chiarito Icardi – uno sforzo maggiore da parte di quei territori che, compreso il finanziamento degli ospedali, hanno una quota capitaria più alta”.

2 Commenti

  • Stefano ha detto:

    Per ridurre le spese: abolizione ticket per reddito dopo i 65 anni se si hanno cifre rilevanti su conto corrente bancario, imporre ticket elevato per accesso improprio a pronto soccorso, concedere esami ematici di controllo solo a fasce di età stabilite.

  • Stefano ha detto:

    Per ridurre le spese: abolizione ticket per reddito dopo i 65 anni se si hanno cifre rilevanti su conto corrente bancario, imporre ticket elevato per accesso improprio a pronto soccorso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente