Seguici su

Attualità

Online il bando per contributi a favore degli iscritti con studio professionale in affitto

Pubblicato

il

È online da oggi sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

L’iniziativa, che rientra tra le misure previste dall’Ente a favore dei dottori commercialisti in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria, è stata annunciata oggi dal presidente Walter Anedda nel corso del webinar “Emergenza virus: l’attività assistenziale della CNPADC” organizzato questo pomeriggio dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Torino.

Durante l’incontro virtuale, al quale hanno partecipato anche il Consigliere CNPAC, Stefano Distilli e la Delegata Cassa presso l’Ordine di Torino, Stefania Telesca, è stata spiegata la finalità del bando che prevede un contributo assistenziale parametrato al 50% del canone di locazione dello studio effettivamente corrisposto nel periodo febbraio-maggio 2020, al netto di eventuali ricavi da sublocazione dell’immobile, fino a un massimo di mille euro.

A poter usufruire del contributo assistenziale, per il quale la Cassa Dottori Commercialisti ha stanziato 3 milioni di euro, saranno gli iscritti che abbiano percepito un reddito relativo al periodo d’imposta 2018 non superiore a 50mila euro e che non abbiano redditi di lavoro dipendente, di pensione e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, superiore a 20mila euro.

Il contributo potrà essere richiesto anche nel caso in cui il contratto di locazione sia in capo a uno Studio Associato/STP, per un valore, attribuibile a ciascun socio, commisurato alla quota di partecipazione agli utili dello Studio Associato/STP alla data della domanda. L’importo complessivamente attribuibile al singolo associato professionista non potrà comunque superare i mille euro.

Questo bando – spiega Walter Anedda, Presidente di Cassa Dottori Commercialisti – rappresenta un ulteriore sforzo per andare incontro alle esigenze degli iscritti che continuano a sostenere le spese di gestione degli studi che, nel perdurare della situazione di emergenza, avranno bisogno anche di interventi di sanificazione. Nel corso della prossima settimana sarà online sul nostro sito il servizio riservato per poter inoltrare le domande di contributi”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *