La Provincia di Biella > Attualità > Ogni anno 33.000 persone muoiono a causa di un’infezione dovuta a batteri resistenti agli antibiotici

GDL Salute

Attualità, Salute
0 commenti.

Ogni anno 33.000 persone muoiono a causa di un’infezione dovuta a batteri resistenti agli antibiotici

L’asl di Biella in prima linea contro l’antibiotico resistenza

Scritto da: teosardo@hotmail.it

L’Asl di Biella è in prima linea per sostenere la lotta all’antibiotico resistenza. L’Azienda Sanitaria ha, infatti, scelto di promuovere e sostenere una campagna informativa per informare la popolazione su quanto sia importante usare gli antibiotici nel modo corretto.

È importante sapere che gli antibiotici non funzionano nelle infezioni virali, come l’influenza e la maggior parte dei casi di mal di gola, mal d’orecchie e tosse. Le più comuni infezioni, infatti, sono virali e in questi casi l’antibiotico non serve a nulla. È importante che sia il medico a decidere se ve ne sia davvero la necessità.

L’espressione antimicrobico-resistenza (AMR) indica la capacità di un batterio di essere resistente all’azione di un farmaco antibiotico, che perciò diventa inefficace verso l’Infezione provocata da quel batterio. L’AMR è oggi una delle più gravi minacce per la Salute Pubblica: ogni anno 33.000 persone muoiono a causa di un’infezione dovuta a batteri resistenti agli antibiotici. Un uso appropriato e responsabile degli antibiotici è fondamentale per evitare che la resistenza aumenti ancora.

L’incremento nell’uso (spesso scorretto) di questi farmaci, la diffusione delle infezioni ospedaliere da microrganismi antibiotico-resistenti, l’aumento dei viaggi internazionali (con una maggiore diffusione dei ceppi) sono tutti aspetti a cui prestare attenzione e su cui lavorare per favorire un cambiamento.

Gli antibiotici non funzionano più se vengono usati male; per tale ragione vanno utilizzati solo se strettamente necessario, nella quantità indicata e per il numero di giorni stabiliti dal medico.

Una campagna, quella promossa dall’Asl di Biella, che è volta ad alimentare la consapevolezza anche nei genitori per un uso corretto anche in età pediatrica. Sarà divulgato materiale informativo caratterizzato da un linguaggio semplice e immediato proprio per favorire una maggiore presa di coscienza su tale argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente