Seguici su

Attualità

Nuovo digitale terrestre, a rischio gli apparecchi tv acquistati prima del gennaio 2017

Il passaggio al nuovo sistema è in programma il 1 settembre 2021

Pubblicato

il

Nuovo digitale terrestre, a rischio gli apparecchi tv acquistati prima del gennaio 2017

Si avvicina la data del grande switch-off televisivo che riguarderà tutta Italia. Dall’1 settembre 2021 i canali del digitale terrestre verranno trasmessi con una nuova codifica, passando dallo standard MPEG-2 all’alta definizione del MPEG-4. Le tv più vecchie, quelle che ora non sono in grado di visualizzare i canali HD, avranno problemi.

Il passaggio al nuovo standard televisivo è quindi molto vicino, e a partire da settembre non tutti i televisori saranno in grado di supportarlo. Le frequenze dei canali del digitale terrestre verranno spostate per liberare la banda 700MHz, che dal primo luglio 2022 sarà a disposizione delle compagnie di telefonia mobile per attivare la tecnologia 5G. Da settembre, i canali non saranno più visibili da molti apparecchi televisivi acquistati prima del gennaio 2017. Ma come si fa a capire se il proprio televisore è idoneo a ricevere il nuovo segnale?

Per verificare se la propria tv è compatibile si può fare un semplice test sintonizzandosi su uno dei canali già attivi sul digitale terrestre con trasmissione solo in HD, come indicato dal decoder. Se almeno uno di questi canali è visibile, l’apparecchio è pronto per il passaggio tecnologico e non ci sarà bisogno di cambiarlo almeno per un altro anno e mezzo. In caso contrario sarà necessario dotarsi di un decoder o acquistare un nuovo televisore.

Tra settembre 2021 e giugno 2022 bisogna ri-sintonizzare la propria tv secondo il calendario dato. Nel 2022 ci sarà poi una una seconda transizione, negli ultimi giorni del mese di giugno. In quei giorni verrà introdotto definitivamente lo standard DVB-T2 con il nuovo sistema di codifica HEVC Main10: anche in questo caso, le tv non in grado di supportare questi protocolli avranno problemi. Questa nuova tecnologia, in grado di comprimere in modo migliore il segnale, permetterà di avere a disposizione più canali e con una qualità migliore. Tutti i televisori e i decoder acquistati a partire da dicembre 2018 sono compatibili anche con i nuovi standard introdotti dal secondo passaggio tecnologico. [Fonte SKY TG 24]

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *