La Provincia di Biella > Attualità > La Provincia è uscita dal disseto
Attualità Biella -

La Provincia è uscita dal disseto

Pralungo: "Quello che oggi conta è aver raggiunto e centrato il primo grande obiettivo, che era portare la Provincia di Biella fuori dal dissesto".

Pralungo: “Quello che oggi conta è aver raggiunto e centrato il primo grande obiettivo, che era portare la Provincia di Biella fuori dal dissesto”.

L’annuncio del presidente della Provincia Emanuele Ramella Pralungo

È giunto oggi, intorno all’ora di pranzo, il Decreto Ministeriale di approvazione dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato.

Con l’Ente in dissesto finanziario la situazione appariva drammatica. Sembrava che non ci fossero vie d’uscita e che il destino della Provincia di Biella, intesa sia come Ente che come territorio, fosse segnato.

Il Biellese fu definito da alcuni un territorio fallito e qualcuno inscenò la celebrazione di un funerale il giorno delle elezioni, confermando, in maniera pessimistica e miope, che l’Ente ed il territorio erano finiti.

Fino ad un anno fa sui giornali si leggeva solamente “non ci sono i soldi” e che si sarebbero dovute chiudere le gallerie, chiudere i plessi scolastici perché non si potevano accendere i riscaldamenti, chiudere le strade in caso di neve perché non si potevano spazzare le strade, insomma l’Ente non avrebbe più avuto modo di erogare alcun servizio ai cittadini ed ai Comuni e quindi non avrebbe più potuto adempiere al proprio ruolo.

Questa era la situazione che mi trovai di fronte a seguito delle elezioni.

 

Dopo un anno di gestione, di duro lavoro e di battaglie politiche che ho sostenuto a livello regionale e ministeriale si cominciano a vedere i risultati ed il Decreto Ministeriale di oggi è un tassello fondamentale per il futuro dell’Ente e del territorio Biellese. Significa che il Ministero, che attraverso un suo rappresentante aveva dato per spacciata la Provincia di Biella, oggi ci comunica di aver approvato l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato e che la macchina provinciale può ricominciare a marciare a pieni giri.

Questo non significa aver risolto tutte le problematiche esistenti, ma significa sicuramente aver gettato solide fondamenta per poter ripartire e sulle quali costruire il futuro.

Ora di fronte a noi si presenta un periodo comunque difficile, l’anno 2016 è alle porte, e non sarà certo una passeggiata affrontarlo. Come detto il Decreto è il nastro di partenza ed ora bisogna lavorare sodo e continuare ciò che abbiamo iniziato portando a termine una serie di operazioni fondamentali per il mantenimento in equilibrio del bilancio.

 

Quello che oggi conta è aver raggiunto e centrato il primo grande obiettivo, che era portare la Provincia di Biella fuori dal dissesto.

Per fare un paragone marittimo, direi che finalmente siamo riusciti a far attraccare in porto la nave che ci è stata consegnata in mezzo al mare in burrasca e con grosse falle che facevano imbarcare acqua. Ora quindi è necessario fare un po’ di meritata manutenzione, chiudere le falle e riportare la nave a navigare in acque tranquille. Il 2016 rappresenterà quindi un anno anch’esso fondamentale, sarà un anno durante il quale bisognerà portare a compimento quanto previsto nelle caselle del bilancio e soprattutto bisognerà cercare di recuperare il tempo perduto. Quella che abbiamo di fronte è una sfida importante ed impegnativa ma che ho intenzione di portare avanti con grande impegno e dedizione per fare la mia parte per il territorio biellese. Questo territorio mi ha dato e ci ha dato tanto e questo è il momento di restituire qualcosa. Quel qualcosa devono essere i servizi ai cittadini, che devono poter viaggiare su strade decenti e non lasciate abbandonate da anni o, peggio, non poterle nemmeno utilizzare se nevica, devono poter mandare i propri figli in scuole calde e accoglienti e non in aule ghiacciate, devono poter contare su di un Ente che sia efficiente e non un peso inutile da portarsi dietro.

Questo è quello per cui ho lavorato finora e quello per cui lavorerò ogni giorno, perché io sono fermamente convinto che il bicchiere sia mezzo pieno e che il Biellese abbia diverse carte da giocarsi per poter rialzare la testa e guardare avanti con ottimismo.

 

Voglio ringraziare pubblicamente tutto il Consiglio Provinciale che ha attivamente contribuito al raggiungimento di questo obiettivo, dimostrando grande maturità, senso del dovere e sorpassando le differenze di colore politico, lavorando con il solo obiettivo condiviso da tutti di “fare per il territorio”.  Un grazie a tutti i Sindaci del territorio che hanno sostenuto ed approvato quanto loro proposto, dimostrando di aver compreso il momento, accettando i cambiamenti che il tempo porta con sé e aprendo i propri orizzonti al di fuori dei propri confini comunali e ragionando sempre più da territorio e per il territorio.

XXXXXXXXXXXXXXXX