Seguici su

Attualità

Disintossicazione dalla Biella social

Pubblicato

il

BIELLA – “Cosa succede in città” cantava Vasco Rossi ed è quello che ci stiamo chiedendo un po’ tutti leggendo qua e là le varie bizzarre notizie che popolano il web locale ma ciò che più colpisce non è tanto l’alternarsi delle varie news, a volte divertenti, altre volte inquietanti, spesso ridicole, ma ciò che poi ne deriva, una sequela di commenti e considerazioni a dir poco sgradevoli e imbarazzanti.

Che il biellese medio sia un lamentino a priori è un dato di fatto, l’abbiamo scritto fino alla nausea anche in questa rubrica ma ciò che davvero delude è come ormai sia diventata la consuetudine, una pessima abitudine impossibile da sradicare. Abbiamo così preso una decisione drastica ma doverosa in questi giorni, abbandonando i social in tutte le sue forme e decidendo di dedicarci all’analisi cittadina solo attraverso questa rubrica inutile, senza farci influenzare dalle considerazioni da bar che inevitabilmente si creano ad ogni notizia.
Una boccata d’aria più salutare e rigenerativa di una passeggiata in Burcina.

Ci ha riportati indietro di 15 anni, quando si aspettava in edicola l’uscita del quotidiano per sapere cosa stesse accadendo nel circondario, per avere più o meno conferma dei pettegolezzi nati al bar e per fortuna morti lì.
Covid, riaperture, coprifuoco, zona gialla, rossa o verde, tutto visto sotto una nuova luce, più limpida e meno offuscata dalla grettezza degli sfigati che ormai vomitano rancore sul web quasi fosse una professione.

Un consiglio spassionato, meno social e più vita sociale, perché la città ha bisogno di questo, non di quattro parole scarabocchiate sul telefonino che a conti fatti non hanno mai prodotto nulla, perché continuare a scrivere ovunque “aprite tutto, basta coprifuoco, vogliamo i negozi di via Italia aperti” e poi stare a casa oppure uscire solo per andare agli Orsi è privo di senso oltre ridicolo.
In sostanza, cosa ci sta insegnando questa disintossicazione da social? Semplice, che in fondo Biella è un bel posto per vivere se non fosse piena di biellesi.

La Biella che piaceVa

E tu cosa ne pensi?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *