La Provincia di Biella > Attualità > Nuovo deposito di smistamento di Amazon in Piemonte
Attualità Fuori provincia -

Nuovo deposito di smistamento di Amazon in Piemonte

Oggi l'importante annuncio. Ben 150 posti di lavoro a tempo indeterminato

Nuovo deposito di smistamento di Amazon in Piemonte.
150 posti di lavoro
Amazon ha annunciato oggi che il nuovo deposito di smistamento a Brandizzo,
comune della Città Metropolitana di Torino, è totalmente operativo. La nuova struttura consentirà ad
Amazon di incrementare la capacità e la flessibilità della sua logistica nel Nord Ovest del Paese, garantendo
consegne più veloci ai clienti delle province di Torino, Cuneo, Alessandria, Asti, Vercelli e Biella e un servizio
migliore per le aziende che vendono tramite Amazon e che beneficiano della sua rete di distribuzione.

Il nuovo deposito di smistamento, che ha una superficie di oltre 11.000 m2, creerà nei prossimi anni circa 150
posti di lavoro a tempo indeterminato, tra operatori di magazzino e autisti, consentendo ai corrieri locali e
regionali di consegnare gli ordini dei clienti più velocemente.

I primi prodotti consegnati dal deposito sono stati i libri “Jurassic world. La storia del film” e “Letteratura
spagnola del Novecento. Dal modernismo al postmoderno”.

“Il deposito di Brandizzo rafforzerà la nostra rete logistica, permettendoci di rispettare le promesse di
consegna ai clienti e supportare tutte le aziende che vendono i loro prodotti su Amazon”, ha dichiarato
Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia. “Con questo nuovo deposito, inoltre, le
aziende di consegna locali indipendenti potranno far crescere la loro attività, in quanto Amazon fornirà loro
la tecnologia più avanzata per effettuare le consegne”.

Il Sindaco di Brandizzo, Roberto Buscaglia, ha dichiarato: “Non posso che dichiararmi soddisfatto per la
velocità e l’efficienza con cui il settore tecnico del Comune ha operato per rilasciare tutti i necessari permessi
per consentire ad Amazon la realizzazione del nuovo deposito di smistamento a Brandizzo.
Ed altrettanto più che soddisfatto per la qualità dell’opera realizzata: una struttura logistica legata all’impiego
di tecnologia innovativa, che può rappresentare un volano per l’economia locale e offrire uno sviluppo
all’occupazione per i cittadini brandizzesi.”

Investimenti in Italia
Amazon ha investito 1 miliardo e 600 milioni di euro e creato più di 3.500 nuovi posti di lavoro in Italia dal
suo arrivo nel Paese nel 2010, che diventeranno 5.200 entro la fine dell’anno. Il centro di distribuzione Castel
San Giovanni, primo sito logistico di Amazon in Italia, è stato inaugurato nel 2011. Nel novembre 2015
Amazon ha aperto il suo centro di distribuzione urbano a Milano per servire i clienti Amazon Prime Now. Nel
2017 i centri di distribuzione Amazon di Passo Corese (RI) e Vercelli sono entrati in attività: l’azienda ha
investito per i due stabilimenti rispettivamente €150 milioni e €65 milioni, con la creazione di 1.200 posti di
lavoro a Passo Corese e 600 a Vercelli entro tre anni dal lancio per supportare ulteriormente il costante
incremento della domanda dei clienti e gestire la rapida crescita dei prodotti disponibili sul catalogo Amazon.
Nel corso degli ultimi due anni, Amazon ha inoltre lanciato un centro di smistamento a Castel San Giovanni e
i depositi di smistamento situati a Origgio (VA), Rogoredo e Buccinasco (MI), Burago di Molgora (MB),
Crespellano (BO), Calenzano (FI), Vigonza (PD), Pomezia (RI), Fiano Romano e Magliana (RM).

Oltre a questi investimenti nello sviluppo della propria rete logistica in Italia, nel 2012 Amazon ha aperto il
proprio centro di assistenza clienti a Cagliari e gli uffici corporate a Milano. Nel novembre del 2017 Amazon
ha spostato i propri uffici corporate in un edificio di 17.500 metri quadri nel quartiere emergente di Porta
Nuova. La nuova sede corporate ospita gli attuali 400 dipendenti e fornirà all’azienda spazio sufficiente per
accogliere oltre 1.100 persone. Amazon ha inoltre aperto a Torino di un centro di sviluppo per la ricerca sul
riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale che supporterà la tecnologia già utilizzata
per l’assistente vocale Alexa, al momento disponibile solo in lingua inglese per servizi e prodotti come
Amazon Echo, Echo Dot, Amazon Fire TV e Amazon Tap.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente