La Provincia di Biella > Attualità > Pagelle 2018, la top ten dei bocciati
AttualitàBiella -

Pagelle 2018, la top ten dei bocciati

La tradizionale classifica de La Nuova Provincia di Biella

La Nuova Provincia di Biella ha pubblicato, come da tradizione, le pagelle del 2018. Ecco la top ten dei bocciati.

ALESSANDRO RAVETTI, tempio crematorio – INCLASSIFICABILE. La vicenda del tempio crematorio, qualunque siano le singole responsabilità che verranno accertate, rappresenta una delle pagine più tristi degli ultimi anni. Il solo pensiero che qualcuno possa avere speculato sul dolore delle persone fa inorridire. L’auspicio è che la magistratura riesca a fare piena luce su questo scandalo, individuando tutti i responsabili, compresi quelli che avrebbero dovuto vigilare e che invece – a quanto pare – non lo hanno fatto.

Marco Cavicchioli

MARCO CAVICCHIOLI, sindaco di Biella – VOTO 4. E’ una persona seria e un eccellente avvocato (solido punto di riferimento per gli extracomunitari che giungono in città). La politica però non fa per lui. Zero sensibilità, zero empatia, zero capacità di stare fra la gente. Non ha alcuna possibilità di essere rieletto.

Gianni Bonelli

GIANNI BONELLI, ex direttore generale ASL – VOTO 4. Il direttore generale dell’Asl ha lasciato Biella per Varese. Qui era in quota a una regione “rossa”. Là è in quota a una regione “verde”. Un vero camaleonte… Comunque, in città non saranno in molti a rimpiangerlo.

Gabriele Mana

GABRIELE MANA, ex vescovo di Biella – VOTO 4. Avrebbe venduto l’anima al diavolo (in senso metaforico, ovvio…) per rimanere in carica fino al 2020, anno in cui si svolgerà la quinta secolare Incoronazione della Madonna di Oropa. Il Papa invece lo ha pensionato. E’ stato un vescovo evanescente.

Aldo Pia

ALDO PIA, presidente Biverbanca – VOTO 4. E’ il presidente di Biverbanca, una banca che di biellese non ha più nulla, essendo passata tutta in mano astigiana. Nel silenzio più completo è stata smantellata anche la sede di via Carso, dove ora si è trasferita la Motorizzazione Civile.

Franco Ferraris

FRANCO FERRARIS, presidente Dondazione Cassa di risparmio – VOTO 4,5. Mentre Squillario con gli astigiani litigava un giorno sì e l’altro anche, lui pare molto allineato. Esponente della famiglia Zegna, ora siede nei salotti ovattati della finanza, con tanto di benedizione della curia per l’ingente contributo dato ad Oropa.

Stefano Zaramella

STEFANO ZARAMELLA, primario Urologia – VOTO 4,5. Per il primario di Urologia dell’ospedale di Biella la procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio. L’accusa, tutta da provare, è quella di duplice omicidio colposo in relazione alla morte di due pazienti. Il dirigente deve anche rispondere di falso.

Sergio Leone

SERGIO LEONE, assessore comune di Biella – VOTO 4,5. La nuova funicolare è il più grosso flop che la città abbia conosciuto negli ultimi anni. In un paese civile, l’assessore responsabile si sarebbe già dimesso da tempo. Lui, invece, supportato dai Cavicchioli boys continua a difendere l’intervento. Vergogna.

Valeria Varnero

VALERIA VARNERO, assessore comune di Biella – VOTO 4,5. La nuova pista ciclabile di Biella è veramente ridicola oltreché pericolosa. Realizzare corsie preferenziali per le bici è cosa buona e giusta. Occorre però agire con un minimo di buon senso, quello che in via Cernaia è mancato del tutto.

Gianluca Foglia Barbisin

GIANLUCA FOGLIA BARBISIN, presidente provincia di Biella – VOTO 4,5. La bocciatura non è per lui, ma per il modo in cui è stato eletto. Il neo presidente è frutto del compromesso storico 2.0, ovvero un minestrone di partiti stile Prima Repubblica, che va dal Pd a Fratelli d’Italia. Tristissimo esempio d’inciucio.

Daniela Giraudo

DANIELA GIRAUDO, presidente Ordine avvocati – VOTO 4,5. Non ce ne voglia la presidente dell’Ordine se la usiamo come simbolo di una categoria che nella vicenda del tempio crematorio non ha dato proprio il meglio di sé. Invidie, esposti e polemiche prese di posizione che hanno palesato lacerazioni interne.

Un Commento

  • edoardo liburno ha detto:

    in merito alle vostre ridicole pagelle spicca il voto negativo dato al Dr. Zaramella , che come dite voi, ancora non è stato processato e quindi condannato, mi chiedo con quale criterio voi vi ergete a giudici e a questo punto il voto che meritate voi come informazione è un bel 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente