Seguici su

Attualità

Al via La Passione di Sordevolo, il piccolo borgo prende vita

Pubblicato

il

Il countdown è di sette giorni. A partire dal 18 di giugno, l’Anfiteatro di Sordevolo ospiterà uno dei più grandiosi spettacoli popolari che, per numero di spettatori, è oggi secondo al mondo solo alla Passione tedesca di Oberammergau. Un evento eccezionale anche per numero di attori e comparse, complessità della macchina organizzativa e numero di repliche, ma soprattutto per il grande coinvolgimento popolare, che genera nel tessuto sociale di Sordevolo un microclima di fusione comunitaria e di condivisione. La messa in scena della Passione, che si tramanda con continuità di generazione in generazione, garantisce una forma ormai rara di teatro che il piccolo e grazioso borgo montano della Valle Elvo coltiva con viva passione. Si tratta certamente del più grande spettacolo corale in Italia interpretato da attori dilettanti, che ricorda le ultime ore di Cristo.

LA STORIA

La Passione di Sordevolo venne recitata per la prima volta nel 1816, e qualche decennio dopo, nel 1850, si formò il primo “Comitato” con lo scopo di preparare la rappresentazione sotto forma di spettacolo vero e proprio, con cadenze quinquennali o decennali. Il testo su cui si basa la rappresentazione risale agli ultimi anni del quattrocento, opera elaborata in versi dal fiorentino Giuliano Dati, cappellano della Chiesa dei Santi Martiri in Trastevere a Roma. Come sia arrivato fino a Sordevolo resta un mistero. «La Passione – si legge sul sito ufficiale – ha un valore inestimabile non solo dal punto di vista di teatro popolare, ma anche come testimonianza di continuità di una tradizione letteraria secolare giunta fin dalla capitale. Se il testo è religioso, l’organizzazione è laica; se le figure sono evangeliche, storicizzate, la rappresentazione è umana immediatezza; se il testo è letterario, l’interpretazione è realistica». «L’istituzionalizzazione della Passione di Sordevolo – scriveva a tal proposito Marco Neiretti, ex sindaco di Sordevolo – al contrario di quanto possa supporsi, ravviva anziché cristallizzare la tradizione: il compenetrarsi fra le rappresentazioni e la popolazione si fa sempre più intenso; e con il tramonto d’altri valori comunitari, la tradizione della “Passione” diventa arte di tutto un popolo, di tutta una comunità».

NUMERI E PERSONE

4000 metri quadri di anfiteatro con una capienza di 2400 posti; 700 volontari, di cui 400 attori (40 parti parlate e 360 comparse) di età compresa fra i 5 e gli 80 anni, per un totale di circa 80mila ore di lavoro stimate. 34 repliche nell’edizione di quest’anno, di cui due saranno recitate dai bambini. Un museo recentemente restaurato, inaugurato nel 2005 per volontà dell’Associazione Teatro Popolare, con lo scopo di raccontare l’aspetto teatrale, storico, antropologico e culturale di questa antica manifestazione, che rappresenta il cuore del paese di Sordevolo e l’animo dei suoi abitanti.

CALENDARIO, BIGLIETTI E AGEVOLAZIONI

Calendario: https://www.passionedisordevolo.com/calendario-2022/

Biglietti e agevolazioni: https://www.passionedisordevolo.com/biglietti/

Per ulteriori informazioni o prenotazioni telefoniche chiamare il numero 015 2562486 o 375 6135686 oppure inviare una mail all’indirizzo passione@passionedisordevolo.com

Si precisa che acquistando i biglietti dal sito è possibile scegliere il posto che si preferisce e recarsi direttamente in anfiteatro, senza dover fare la coda. Con la prenotazione telefonica, invece, il posto viene assegnato dalla segreteria, che rilascia un voucher da portare il giorno dello spettacolo, con cui bisognerà recarsi allo sportello apposito per ritarare i biglietti.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com