Seguici su

Opinioni

Quello scontro triviale fra genitori che seguivano la partita di calcio dei propri figli

Il commento di Vittorio Barazzotto

Pubblicato

il

BIELLA – “Lo sport ha bisogno di esempi, purtroppo ultimamente troviamo solo cattivi maestri. Ho vissuto per anni lo sport da protagonista, ora però è tutto troppo esasperato e io mi sento un po’ escluso da questo mondo”.

Dino Zoff in un’intervista di qualche anno fa manifestava così il suo malessere nei confronti di un declino comportamentale che affligge molti sport, in primis il calcio. Domenica scorsa ho assistito per caso ad uno scontro triviale tra genitori che seguivano la partita di calcio dei propri figli. Parlo di un campetto di paese, di una categoria di ragazzini, di toni violenti e di un malcostume che riempie così tanto le cronache locali da passare ormai completamente inosservato. Il campo da calcio, non importa se piccolo e se calcato per un torneo locale, è l’arena in cui scaricare le frustrazioni e la rabbia che i genitori non sanno gestire.

Il periodo storico poi, pesante e angosciante, esaspera ancor di più questo stato d’animo.
Lo sport dovrebbe ovviare a questo abbruttimento generale e non solo prendere le distanze dai genitori che istigano alla violenza, magari allontanandoli dal campo, ma anche insegnare ai bambini il rispetto per le decisioni dell’arbitro, anche quando sono sfavorevoli, conoscere la disciplina e il senso dell’impegno.

Ogni bambino, crescendo, molto probabilmente abbandonerà lo sport che lo entusiasmava un tempo, ma certamente l’aspetto pedagogico della pratica sportiva rimarrà un insegnamento per la vita.
Lo sport, così come la scuola, non potrà mai sostituire l’educazione familiare, ma ha il difficile compito di generare un senso di comunità, che è la base per generare una società più civile.

 

Vittorio Barazzotto

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com