La Provincia di Biella > Cronaca > Uccide il gatto della vicina con un fucile ad aria compressa: chiesta condanna per reato di crudeltà
Cronaca Fuori provincia -

Uccide il gatto della vicina con un fucile ad aria compressa: chiesta condanna per reato di crudeltà

Potrebbe dover pagare 40 mila euro se ritenuto colpevole

Fucilata al gatto della vicina: rischia di pagare 40mila euro. Indagini anche del Ris per un fatto avvenuto in un piccolo centro della provincia.

Fucilata al gatto della vicina: rischia di pagare 40mila euro

Aveva trovato il gatto moribondo, colpito dal proiettile di un fucile ad aria compressa. Come riportano i colleghi di NotiziaOggi, il micio era poi stato soppresso e lei aveva denunciato il fatto ai Carabinieri. I quali, a seguito delle indagini, avevano indicato il vicino di casa quale autore del tiro. L’uomo aveva in effetti in casa un fucile ad aria compressa regolarmente denunciato, ma nemmeno una perizia del Ris ha potuto appurare che il colpo fatale fosse partito da quell’arma.

Il processo

Il fatto è accaduto in un piccolo centro del Vercellese, ed è finito ora in tribunale. Il pm ha chiesto per l’uomo la condanna per il reato di crudeltà su animali, con pagamento di 10mila euro alla vicina. La quale da parte sua ha chiesto altri 30mila euro di indennizzo nella parallela causa civile. Se fosse giudicato colpevole, l’uomo rischia quindi di dover tirare fuori la bellezza di 40mila euro. La sentenza attesa nelle prossime settimane.

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *