La Provincia di Biella > Cronaca > Tasso alcolico da record dopo l’incidente
CronacaCossatese -

Tasso alcolico da record dopo l’incidente

Patente ritirata e denuncia per un 51enne di Cossato

tasso alcolico

Tasso alcolico da record per l’automobilista biellese rimasto coinvolto in un incidente a Cossato.

Lo scontro con una Citroen

L’impatto è avvenuto nella serata di lunedì in via Mazzini, verso le 22. A scontrarsi sono state la Dacia Duster do in 51enne cossatese e la Citroen C2 condotta da una donna di 35 anni, a sua volta residente in città. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Il controllo in caserma e il tasso alcolico da record

Sul luogo dell’incidente stradale sono intervenuti i carabinieri. Il conducente della Dacia è stato successivamente accompagnato in caserma affinché si sottoponesse al test dell’etilometro. Qui i sospetti dei militari dell’Arma sono stati confermati: l’uomo era ubriaco. Il tasso alcolemico rilevato è stato di circa 2,5 g/l, una quantità parecchio superiore a quella consentita dalla legge, che fissa il limite massimo a 0,5 g.l..

I carabinieri hanno quindi denunciato l’uomo per guida sotto l’effetto dell’alcol.

Non è la prima volta che un automobilista biellese viene sorpreso alla guida in stato i ubriachezza. Nei mesi un’altra persona residente in provincia aveva fatto registrare un tasso alcolico da record.

2 Commenti

  • Giuliofox ha detto:

    Via la patente a vita !!!

    • steap63 ha detto:

      Purtroppo siamo in Italia paese di leggi con eccezioni, modifiche, sentenze discordanti, ricorsi, controricorsi dove a chi delinque praticamente succede nulla e purtroppo le strade sono piene di gentaglia del genere che se ne frega degli altri. E’ semplicemente assurdo che la vita di ciascuno di noi e dei nostri familiari dipenda dalla casualità di trovarsi di fronte uno di questi delinquenti magari ubriaco o “fumato” o al telefono o che viaggia a velocità assurde dove non deve (se si rispettassero limiti e segnaletica la maggior parte degli incidenti non succederebbero) . E meno male che adesso ci sono gli etilometri. Ci vorrebbero il carcere o i lavori forzati altro che il ritiro della patente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente