La Provincia di Biella > Cronaca > Due bar a Biella e Valle Mosso sono stati chiusi per non aver rispettato le regole sul Covid-19
Cronaca Biella Valli Mosso e Sessera -

Due bar a Biella e Valle Mosso sono stati chiusi per non aver rispettato le regole sul Covid-19

Nel primo caso è intervenuta la Polizia amministrativa, nel secondo invece i Carabinieri

Nel giro di poche giorni due bar, uno di Biella e l’altro di Valle Mosso, sono stati chiusi per non aver rispettato le regole sanitarie anti-coronavirus.
Nell’ambito dei servizi di prevenzione e vigilanza per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da “Covid-19”, agenti della Polizia di Stato della “squadra amministrativa” della questura di Biella, lunedì scorso, hanno contestato al proprietario di un noto locale in zona Riva una violazione amministrativa, per non aver rispettato le misure di prevenzione, in quanto nella serata del 12 luglio scorso è stata accertata la presenza di numerosi avventori all’interno del locale, in piedi e senza mascherina, e i dipendenti che facevano servizio al tavolo non indossavano la mascherina.
La violazione prevede la sanzione amministrativa pecuniaria da 400 euro a 3000 euro e la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio da cinque a 30 giorni, al vaglio delle autorità.
Un provvedimento dello stesso tenore è stato preso anche nei confronti un bar di Valle Mosso. In questo caso a intervenire sono stati i carabinieri che nei giorni scorsi hanno effettuato un controllo. I militari hanno contestato al titolare del bar che i clienti non rispettavano le corrette misure di prevenzione. Praticamente non venivano rispettate le distanze di sicurezza e, all’interno, non tutti avevano la mascherina. Il bar così dovrà ora tenere chiuso per cinque giorni.
Terminato il periodo di lockdown, il Dpcm del 17 maggio che ha dato il via libera alla riapertura di bar e ristoranti prevede tra l’altro l’obbligo di mascherine, barriere e ingressi contingentati. Precauzioni che, molto probabilmente, ci accompagneranno ancora a lungo. Tra le diverse regole, deve essere consentito l’ingresso a un numero di persone tale da garantire all’interno del locale il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, il gestore dell’esercizio deve verificare che i clienti al momento dell’ingresso indossino la mascherina chirurgica o riutilizzabile (di comunità) fino al momento della consumazione, per ridurre la diffusione del virus.

© riproduzione riservata