Seguici su

Cronaca

Covidioti, venite a vedere le celle frigorifere dell’obitorio di Biella

Pubblicato

il

BIELLA – Vorrei fare una piccola precisazione rispetto al video postato dal signor Mattia riferito al Covid, che a suo dire non è così drammatico. Io ho un’idea totalmente opposta anche perché arrivo, proprio oggi, domenica 8 novembre, dall’obitorio dell’ospedale di Ponderano. E vi posso dire che, a detta anche degli operatori, la situazione incomincia a essere tragica.

Qui non si tratta di andare o non andare a vedere nei reparti e di leggere le cartelle cliniche. Qui si sta parlando di decessi che avvengono nei reparti Covid. Persone che arrivano in obitorio chiuse in un sacco (con obbligo per le imprese funebri di chiusura immediata), senza che i parenti possano vederli un’ultima volta.

Segnalo che la direzione saniaria dell’Asl di Biella, dal 6 novembre, ha vietato i trasporti di salma a bare aperte presso l’abitazione. Perciò muori all’ospedale e lì rimani, nell’obitorio, non puoi più essere portato né in abitazione né presso le case funerarie.

Questo vuol dire che la situazione è seria. L’obitorio dell’ospedale di Ponderano ha sei celle frigorifere e c’è da sperare che questa notte non si verifichino altri decessi di Covind perché non sanno più dove mettere i corpi. Sei celle frigorifere, divise in tre file da due. Lo preciso per i covidioti…

Un’ultima considerazione. L’incoscienza di alcune persone rispetto a questo virus la trovo quantomeno fuoriluogo. Mi rivolgo proprio a queste persone per chiedere come si comporterebbero se a morire di Covid fosse un loro caro, quello stesso caro che non ha avuto diritto a una visita dei parenti durante la degenza e non avrà diritto neanche a un saluto prima che la bara venga chiusa. Io vorrei che queste persone pensassero se a loro farebbe piacere non vedere più, negli ultimi istanti della loro vita, un figlio, una moglie, un marito o un genitore.

Chiedo solo a questi pazzi di riflettere su queste mie parole. Grazie.

Gianluca Marucchi

3 Commenti

3 Comments

  1. Francesca

    9 Novembre 2020 at 0:08

    Bravissimo…e ti ringrazio per il tuo intervento..dovrebbero vergognarsi…

    • claudia vetro'

      9 Novembre 2020 at 14:57

      Mio padre è morto il 6 luglio in ospedale, e la situazione era la stessa. Il punto é un altro: si fà di tutti i decessi un conto unico… e questa non è trasparenza, ma voler seminare il terrore.

  2. alfredo

    9 Novembre 2020 at 6:58

    Se gli ospedali prendono 2000€ a persona ricoverata per covid (fonte: intervista a Bertolaso) non stupisce che tutti i morti siano catalogati covid.

    Intanto nessuno di voi risponde alla mia domanda: come mai i morti TOTALI in Italia e per Regione e Provincia nel 2020 sono uguali a quelli del 2019 (fonte ISTAT). Ma com’é possibile con una Pandemia in atto?

    3…2…1… commento censurato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com