Seguici su

Biella

Fratelli d’Italia ritira dalla Giunta di Biella l’assessore Davide Zappalà

Terremoto politico

Pubblicato

il

BIELLA – Clamoroso colpo di scena a Palazzo Oropa. Fratelli d’Italia ha deciso di ritirare dalla Giunta di Biella l’assessore Davide Zappalà. Lo comunica il  segretario provinciale del partito, Cristiano Franceschini, che aggiunge: “A Zappalà va tutta la nostra solidarietà per il poco commendevole scaricabarile patito in queste ore relativamente alla vicenda della mancata presentazione dei progetti al bando sul programma nazionale della qualità dell’abitare.

Leggi anche: FLOP RECOVERY FUND, IL SINDACO CLAUDIO CORRARINO “EPURA” GLI ASSESSORI COLPEVOLI

Al momento però non pare necessario il ricorso anticipato alle urne perché Fratelli d’Italia ritira il suo assessore ma garantisce l’appoggio esterno alla Giunta  “relativo a ciò che è espressamente oggetto del programma di governo sottoscritto con gli elettori e i cittadini di Biella“.

Come Fratelli d’Italia e Lega possa governare ancora insieme, dopo che sono venute a mancare “le condizioni per una gestione corale della amministrazione della città”, non è ben chiaro, ma tant’è.

“Abbiamo taciuto nelle prime ore – dice Franceschini – per evitare che la situazione precipitasse e lo stesso abbiamo chiesto a Davide Zappalà per evitare ulteriori frizioni. Qualcun altro ha inteso questa ennesima dimostrazione di responsabilità non come una lezione di stile, ma come un momento di difficoltà e ha ritenuto di approfittare del senso istituzionale che ha sempre contraddistinto l’operato amministrativo dell’Assessore Zappalà.

“Alla luce di quanto sopra – dice Franceschini -, riteniamo che non ci siano le condizioni per proseguire serenamente un lavoro di Giunta che – lo vogliamo ricordare a tutti – deve sempre essere corale e condiviso. In questi anni e nell’interesse della unità della coalizione, abbiamo digerito diversi episodi che hanno messo a serio rischio la complessiva credibilità del centrodestra per via di comportamenti non proprio specchiati. Abbiamo sempre, pur senza lacerare l’unità della Giunta, preteso tutt’altro contegno istituzionale e un deciso cambio di passo della Giunta.

Oggi le condizioni per proseguire la nostra esperienza in Giunta non sussistono, anche e soprattutto alla luce del tentativo maldestro di scaricare le colpe della mancata presentazione dei progetti per il bando sulla qualità dell’abitare sui soli Assessori Tosi e Zappalà. Dopo aver fatto un doveroso passo indietro rispetto alla Giunta e appreso con amarezza che altri ne hanno rotto la solidarietà e l’unità necessarie, possiamo finalmente fare alcune doverose precisazioni:

  1. La delega ai bandi è delega che il Sindaco di Biella ha voluto tenere esclusivamente per sé;
  2. La progettazione del bando della qualità dell’abitare, è stato curato, nel deserto di altre proposte, con diversi e prestigiosi interlocutori dall’Assessore Zappalà nel tentativo titanico di porre mano ad una sistemazione complessiva dell’ex Ospedale;
  3. Il Sindaco è sempre stato tenuto al corrente del cronoprogramma;
  4. Il Sindaco, ad un certo punto, ha ritenuto, in virtù della formale delega ai bandi, di intervenire e avocare a sé il progetto, probabilmente nella convinzione di poter terminare il percorso e rivendicarne ogni merito;
  5. Con amarezza l’Assessore Zappalà ha consegnato il progetto al Sindaco, precisando quali fossero le ulteriori attività da svolgere e precisando che, qualora avesse avuto difficoltà giuridico – burocratiche, si sarebbero potuti presentare altri progetti;
  6. Il resto è cronaca di questi giorni

“Ricostruita in questi termini l’onorabilità e la serietà dell’Assessore Zappalà – conclude il segretario -, Fratelli d’Italia ritiene che non vi siano più le condizioni per una gestione corale della amministrazione della città, ritira il proprio assessore Davide Zappalà e fornisce un sostegno esterno alla Giunta leghista relativo a ciò che è espressamente oggetto del programma di governo sottoscritto con gli elettori e i cittadini di Biella”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *