Seguici su

Biella

Recovery Fund, il sindaco Claudio Corradino “epura” gli assessori colpevoli del flop

Clamoroso

Pubblicato

il

BIELLA – Clamoroso a Biella. Il sindaco Claudio Corradino ha deciso di rivoluzionale la sua giunta. La decisione è legata al flop del Recovery Fund, con la città che non avrà neppure un centesimo di finanziamenti in quanto non è stato presentato alcun progetto. LEGGI QUI LA NOTIZIA

«In qualità di sindaco della Città di Biella, nel ruolo che ricopro a capo della giunta comunale – si legge in una nosta stampa diffusa da Corradino -, mi assumo ogni responsabilità politica, benché non direttamente coinvolto nelle scelte degli assessori competenti per materia, di quanto accaduto relativamente ai fondi del Programma nazionale della qualità dell’abitare».

Leggi anche: LUCIA AZZOLINA: “AVETE FATTO UN DANNO ENORME ALLA CITTA'”

E il sindaco prosegue nelle sua dichiarazione: «Proprio in virtù di quanto accaduto ho deciso di accelerare la revisione generale delle deleghe in capo agli assessori. Per migliorare l’efficienza complessiva della giunta e dell’amministrazione. Tale operazione era già prevista all’interno dell’agenda per il mese di settembre, ma le circostanze mi spingono ad anticipare i tempi con concretezza. Dopo due anni di mandato si rende necessario mettere mano alle deleghe».

Non ci sono certezze sui nomi dei possibili “epurati”, anche se fra i più gettonati c’è l’assessore ai lavori pubblici Davide Zappalà, fidatissimo del parlamentare di Fratelli d’Italia Andrea Delmastro.

Davide Zappalà

Aggiunge Corradino: «Ci scusiamo con i cittadini per quanto accaduto, ma voglio ricordare che il Comune di Biella, dall’inizio di questo mandato, ha partecipato a bandi per 35 milioni di euro complessivi, oltre ad aver contribuito in maniera determinante per il salvataggio di importanti realtà del territorio in chiave economia e turistica».

In conclusione: «Sarà mia cura fornire ulteriori comunicazioni non appena ci saranno aggiornamenti».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *