Seguici su

Attualità

Un territorio prodigo di menti geniali

Il commento di Vittorio Barazzotto

Pubblicato

il

BIELLA – Una lettrice mi ha chiesto di occuparmi anche di buone notizie, visto che ultimamente scarseggiano nelle pagine dei giornali locali (e non solo!). La possibilità di soddisfare la sua richiesta è arrivata tempestivamente dalla recente notizia che un medico di origine biellese è stato premiato con un prestigioso riconoscimento accademico americano. Si tratta del prof. Adriano Chiò che da quasi quarant’anni si occupa dei malati di SLA, la sclelorosi laterale amiotrofica, combinando la capacità di cura dei pazienti con l’attività di ricerca scientifica sull’andamento della malattia.

Il premio è intitolato ad un neurologo americano che creò il primo centro per la cura della Sla nel mondo e per il professor Chiò rappresenta il coronamento di una vita dedicata alla ricerca, non solo scientifica, ma anche dei fondi economici necessari per progredire nella conoscenza della patologia.

In una intervista su La Stampa il professore, direttore di Neurologia alle Molinette di Torino, racconta la difficoltà a reperire le risorse per pagare i ricercatori del suo staff e l’amore per la sua professione, costruita sul rapporto con i pazienti affetti da Sla, che lo ha convinto a rimanere a Torino, anziché trasferirsi negli Stati Uniti, dove alla ricerca scientifica sono destinati molti più fondi.
La combinazione di competenze scientifiche con la dedizione e l’amore per il proprio lavoro, hanno consentito al professor Chiò ed al suo team di superare le tante ataviche carenze del sistema sanitario regionale e nazionale, che sono state esasperate dalla pandemia.
Nell’intervista su La Stampa il professore dichiara che il progresso nella cura della SLA porterà a risultati sempre più incoraggianti, sia nel controllo dei sintomi sia nella comprensione dei fenomeni che la scatenano.

Un buona notizia che regala nuove speranze ai malati di SLA e che inorgoglisce il biellese, territorio prodigo di menti geniali che si distinguono nel mondo.

Vittorio Barazzotto

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *