Seguici su

Attualità

Il Covid non è “solo” polmonite: casi di terapia non convenzionale all’Asl di Biella  

Pubblicato

il

BIELLA – Il dottor Graziano Gusmaroli e la dottoressa Emanuela Schintone ripercorrono due trattamenti  con immunoglobine effettuati nei mesi scorsi in Ospedale su pazienti gravi

«Il Covid non è solo polmonite: il virus può portare ad altre gravi conseguenze, anche più drammatiche e rapidamente letali». Il dottor Graziano Gusmaroli, Direttore della Struttura di Neurologia e del  Dipartimento di Medicina e Urgenza dell’Asl di Biella, ripercorre due complessi casi di Coronavirus  curati nei mesi scorsi al Nuovo Ospedale degli Infermi di Ponderano. Si tratta di episodi di infezione che hanno causato il ricovero in condizioni critiche di due soggetti ultrasettantenni, poi trattati con  l’utilizzo di una terapia basata sulle immunoglobine. Una terapia non convenzionale nell’ambito della  cura di pazienti Covid, che ha portato alla guarigione dei due ricoverati e alla loro dimissione. A  raccontare i fatti sono Gusmaroli e la dottoressa Emanuela Schintone, Dirigente Medico di Neurologia.

Il primo caso si è verificato durante la prima ondata di Covid, nel marzo 2020. Il soggetto, un uomo di  una settantina d’anni, affetto da miastenia gravis con debolezza muscolare e complicazioni muscolari  respiratorie, era stato ricoverato a causa di una polmonite causata dal virus con una grave insufficienza  respiratoria. Il soggetto inoltre presentava alti fattori di rischio. L’esito era quindi incerto.  «Abbiamo scelto di praticare una terapia immunosoppressiva con immunoglobine sulla quale, in quel  momento, i precedenti su soggetti Covid nella letteratura medica internazionale erano solo due –  spiega Gusmaroli – Visto il grave quadro clinico del paziente, abbiamo dovuto prendere una scelta  velocemente. In base ai due casi precedenti e alla nostra esperienza sulla miastenia abbiamo  ricoverato l’uomo in Rianimazione, forzando una terapia ventilatoria non invasiva, utilizzando il casco  respiratorio ma senza procedere all’intubazione».

«Lentamente nel soggetto i parametri di ventilazione e respirazione hanno iniziato a migliorare,  ottenendo una guarigione nell’arco di circa 40 giorni – racconta il dottore – Attualmente il paziente è in  una condizione clinica come quella precedente l’infezione Covid e sta proseguendo con una terapia  immunitaria».

Il secondo caso, risalente allo scorso novembre, ha riguardato invece una donna di circa 75 anni. La  paziente, che aveva contratto un contagio da Covid lieve (senza il verificarsi di polmonite), è stata  colpita da un’encefalomielite innescata da anticorpi da virus, caratteristica che si può manifestare a 7- 14 giorni dall’infezione. La donna in un secondo momento ha quindi palesato disturbo di coscienza,  tetraparesi associata a crisi epilettiche e allucinazioni visive terrifiche. La paziente, nel frattempo  ricoverata dopo un accesso al pronto soccorso per un’altra problematica, perciò non è stata più in  grado di muoversi.

«Ipotizzato il quadro clinico abbiamo deciso di procede alla terapia immunitaria con immunoglobine,  come nel caso di qualche mese prima – ricordano sempre Gusmaroli e Schintone – La paziente ha  gradualmente iniziato a star meglio sia dal punto di vista cognitivo che motorio ed è stata trattata con  due cicli di immunoglobine a distanza di tre settimane. Dopo essere stata trasferita in totale in cinque  reparti, è quindi tornata a casa, con indicazione di riabilitazione neuromotoria».

I due dottori dell’Asl di Biella tengono quindi a sottolineare un concetto: «Il Covid non è solo  polmonite, come dimostrato in particolare dal caso di Adem (encefalomielite acuta disseminata),  trattato con una terapia non convenzionale analogamente all’episodio del soggetto con miastenia,  infatti il virus può avere anche conseguenze più drammatiche e rapidamente letali».  Gusmaroli e Schintone concludono: «Quello che ci è successo è uno spot per la medicina di precisione,  la medicina che deve adattare gli strumenti a disposizione al paziente. Ciò che comporta la “precision medicine” è che il paziente viene prima di tutto e pertanto dev’essere curato secondo le sue  caratteristiche».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *