Seguici su

Attualità

Frana Burcina, il parco ha le risorse economiche per l’intervento di sistemazione

Incontro dei vertici dell’ente con la Regione

Pubblicato

il

Frana Burcina, il parco ha le risorse economiche per l’intervento di sistemazione

La Regione interviente per il ripristino della frana nel parco della Burcina. Con i suoi 170 anni di storia la collina fiorita che domina Pollone, l’area protetta del Ticino e del Lago Maggiore, di cui il parco biellese fa parte, si è fatta sempre più fragile: l’ultimo evento atmosferico di metà maggio ha creato una vera e propria voragine che ha divorato il viale dei rododendri, a pochi metri dallo storico balconcino panoramico. Il passaggio ora è interrotto, percorribile da entrambe le parti solo fino a distanza di sicurezza dal luogo della frana.“La frana ha interessato il muro di sostegno in pietra a secco e due imponenti esemplari di Liriodendrum, i quali sono precipitati da un’altezza di una dozzina di metri tra la folta vegetazione sottostante dei rododendri: l’effetto di violente raffiche di vento hanno inclinato i due alberi fino a sradicarli e farli ribaltare a valle insieme a buona parte del fondo del viale” – spiega Andrea Bindi del consiglio di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, presieduto da Roberto Beatrice. Proprio per fare il punto della situazione relativamente ai danni ed all’organizzazione degli interventi, mercoledì scorso 27 maggio nel pomeriggio l’assessore regionale Elena Chiorino ha organizzato una video call con i referenti del Parco ed il Vice Presidente Fabio Carosso:“La Burcina è un parco che sta a cuore ai biellesi, grazie all’interessamento degli eletti in Regione abbiamo verificato che l’Ente parco può decidere di intervenire con i lavori necessari grazie a risorse già trasferite –commenta il vice presidente Carosso – Il mio obiettivo è quello di rendere friubili i parchi che possono essere un’importante risorsa turistica del Piemonte”. Soddisfatta l’assessore biellese per l’esito dell’incontro risolutivo volto alla sistemazione del Parco e sottolinea come:“Purtroppo questi eventi atmosferici stanno diventando una triste normalità: serve una pianificazione attenta proprio perché la Burcina è patrimonio importante per tutto il territorio biellese”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *