Seguici su

Attualità

E’ alto il rischio di valanghe

Pubblicato

il

Sono giorni di particolare allerta anche per quanto riguarda il rischio valanghe. Stando agli ultimi report di Arpa Piemonte, il grado di pericolo è arrivato fino a “5-Molto Forte” sui settori nord-occidentali della regione.
La quota delle nevicate è calata leggermente fino a 1000-1200m, nonostante ciò la densità e l’umidità della neve fresca erano tali da rendere il manto nevoso molto instabile. L’instabilità del manto nevoso ha raggiunto il suo apice tra la notte di lunedì e la mattinata di ieri, per cui erano attese le valanghe spontanee di grandi dimensioni dai siti che non si erano ancora scaricati.

“Sono possibili valanghe spontanee diffuse di medie e grandi dimensioni – si legge sul sito di Arpa Piemonte – con possibile interessamento della viabilità e delle infrastrutture di fondovalle. Il distacco provocato è legato al debole sovraccarico sulla maggior parte di pendii ripidi, localmente anche nelle radure dei boschi, tuttavia il problema principale è legato all’attività valanghiva spontanea”.

Sono giorni di particolare allerta anche per quanto riguarda il rischio valanghe. Stando agli ultimi report di Arpa Piemonte, il grado di pericolo è arrivato fino a “5-Molto Forte” sui settori nord-occidentali della regione.
La quota delle nevicate è calata leggermente fino a 1000-1200m, nonostante ciò la densità e l’umidità della neve fresca erano tali da rendere il manto nevoso molto instabile. L’instabilità del manto nevoso ha raggiunto il suo apice tra la notte di lunedì e la mattinata di ieri, per cui erano attese le valanghe spontanee di grandi dimensioni dai siti che non si erano ancora scaricati.

“Sono possibili valanghe spontanee diffuse di medie e grandi dimensioni – si legge sul sito di Arpa Piemonte – con possibile interessamento della viabilità e delle infrastrutture di fondovalle. Il distacco provocato è legato al debole sovraccarico sulla maggior parte di pendii ripidi, localmente anche nelle radure dei boschi, tuttavia il problema principale è legato all’attività valanghiva spontanea”.