Seguici su

Attualità

«Chi vuole onorare Veronica aiuti le persone che soffrono»

Pubblicato

il

BIELLA – “Sto ricevendo tanti messaggi di solidarietà e di affetto. Ringrazio tutti, di cuore. A coloro che hanno voluto bene a Veronica o che sono venuti a conoscenza della sua storia, però, dico: donate… Donate, se potete, il sangue e aiutate le persone come lei che lottano negli ospedali. Sì, perché è anche grazie alle tante donazioni di sangue e di piastrine che, Veronica, negli anni, ha potuto combattere e andare avanti”. Misurato, composto e razionale il papà di Veronica Franco, Luca, lancia un vero e proprio appello dopo la morte prematura della figlia avvenuta nel capoluogo regionale.
Il Biellese, infatti, da giovedì, piange la scomparsa della giovane studentessa del “Bona”, malata di leucemia dal 2018. La notizia dall’ospedale “Regina Margherita” di Torino dove la ragazza era ricoverata è rimbalzata in un amen, sia social sia in città e nei dintorni.
Commovente e straziante il video dei suoi compagni di scuola e di classe, realizzato e caricato sul web. E ancora più coinvolgente la registrazione della performance di Veronica, 19 anni, alla trasmissione televisiva “Tu’ si’ che vales”, con Jerry Scotti e altri personaggi famosi in lacrime di fronte all’esibizione della studentessa, semplicemente straordinaria nell’eseguire “Halleluiah” di Leonard Cohen. “Era stata la realizzazione del suo sogno più grande – racconta il 51enne padre della ragazza, dipendente della Lavazza, a Gattinara, al telefono -. La registrazione era avvenuta a luglio. All’epoca stava ancora relativamente bene. Pareva che la malattia fosse sotto controllo. Invece no. E comunque la situazione è peggiorata negli ultimi venti giorni”.

Veronica Franco combatteva contro la leucemia da alcuni anni. Si era anche sottoposta al trapianto del midollo spinale, donato dalla sorella trentenne, Michela. Aveva effettuato alcuni cicli di chemioterapia, sia a Biella sia a Torino, tra alti e bassi. Un problema ai nervi, dopo l’intervento, l’aveva costretta alla sedia a rotelle. Una situazione difficile, che però non aveva intaccato la sua forza di volontà. E proprio in sedia a rotelle si è esibita, in onda sabato 12 settembre, davanti a milioni di telespettatori su Canale 5. A commuovere pubblico in studio, i conduttori della trasmissione e le persone attaccate agli schermi a casa, però, non era stata certo la sua condizione, bensì il sorriso e la gioia mostrati durante la difficile esecuzione del brano musicale.

Il funerale è programmato per domani, martedì 20 ottobre, nella chiesa di San Giacomo al Piazzo, dove la famiglia è stata residente fino a un paio di mesi fa (ore 10). “Adesso ci siamo trasferiti in un’altra casa, sempre a Biella – spiega ancora Luca Franco -. Mia moglie Rossana da diversi mesi seguiva a tempo pieno Veronica, in ospedale, a Torino. Ma al Piazzo siamo affezionati. E tempo permettendo vorremmo celebrare l’ultimo saluto all’aperto”.

Sul web nei giorni scorsi sono stati migliaia i messaggi di cordoglio e di affetto a commento della tragica notizia, diffusa dai giornali e dai social. Bellissimo ed evocativo il video realizzato sul canale youtube da parte dei compagni di scuola del “Bona”, che tante condivisioni e visualizzazioni ha registrato in pochissimo tempo. “Non ci sono parole per commentare notizie così – prova a dire Raffaella Miori, dirigente scolastica dell’istituto commerciale di via Gramsci -. Chi l’ha conosciuta, a scuola, ma non solo, non dimenticherà il suo sorriso e la sua determinazione, sui banchi di scuola e non solo. Un vero esempio. Per tutti”.
Paolo La Bua

E tu cosa ne pensi?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *