Seguici su

Attualità

Biella, presentato in Regione un progetto per il rilancio del commercio cittadino

Pubblicato

il

coprifuoco

BIELLA – A seguito della delibera di giunta approvata lunedì, nella giornata di ieri, mercoledì 31 marzo, il Comune di Biella ha inoltrato alla Regione Piemonte la relazione di candidatura del progetto di riconoscimento del Distretto Urbano del Commercio (Duc). L’obiettivo dell’amministrazione è quello di accedere al primo bando, e ai successivi che saranno in programma, per avviare le azioni con cui si intende valorizzare e incentivare il rilancio del commercio cittadino.

Il perimetro definito per individuare il percorso urbano del commercio non è riferito al solo centro storico, ma la delimitazione include anche le aree mercatali e includerà un importante numero di esercizi commerciali (oltre mille) integrati con altri settori economici. Gli obiettivi principali che si pone il Duc, su base almeno quinquennale, prevedono una serie di progetti di qualificazione urbana, con una migliore attrattività delle attività commerciali esistenti e la riqualificazione di aree verdi e arredo urbano delle aree interessate.

Il documento inoltrato alla Regione Piemonte ha trovato un ampio sostegno territoriale. Ha visto la stipula di un protocollo d’intesa tra Comune di Biella, Ascom, Confesercenti più le lettere di sostegno giunte da Confartigianato, Cna, Uib, Atl Biella Vercelli e Valsesia, Pro loco di Biella, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, Città Studi, Consorzio turistico Biellaccoglie, Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri, Confimi, CIA, Coldiretti.

“Il progetto inoltrato alla Regione – spiega l’assessore al Commercio e Turismo Barbara Greggio -, è frutto di un lavoro condiviso di squadra, che si pone come obiettivo la valorizzazione del perimetro commerciale in virtù anche dei due titoli ottenuti nel 2019 di Biella Città Creativa Unesco e nel 2020 di Biella Città Alpina. Si è assistita a una grande sinergia tra commercio, artigianato, industria, agricoltura, settore turistico, della cultura, della formazione più il coinvolgimento degli ordini professionali. Con il documento redatto e approvato gettiamo le basi per credere a un progetto condiviso a sostegno del commercio: ora abbiamo le carte in regola per ambire ad aggiudicarci gli attuali e i futuri bandi in materia”.

Sulla scelta di definire un perimetro ampio, l’assessore aggiunge: “Il perimetro tiene conto dei principali addensamenti commerciali della città, incluse le aree mercatali perché vogliamo puntare alla valorizzazione del commercio ambulante. Sarà un percorso che durerà anni, ma il territorio ora si presenta all’esterno con una visione comune e con obiettivi da raggiungere. Il Duc dovrà evolversi parallelamente al progetto Biella Green Deal, che punta in chiave commerciale all’apertura di una trentina di negozi legati ai prodotti sostenibili”.

Gli obiettivi del Duc prevedono: lungo la via Italia e il centro storico (a lotti) l’efficientamento energetico dei lampioni, panchine smart-city, nuovi cestini, posacenere, fioriere e segnaletica turistica con QR code, posa di due display tecnologici per promozione commerciale e turistica. Inoltre, come annunciato dall’assessorato ai Lavori pubblici, si parte con il restyling del centro partendo da piazza Vittorio Veneto che diventerà pedonale e uno spazio ricreativo per favorire eventi, mercati a tema, manifestazioni di carattere commerciale.

Il progetto si estende però oltre al centro storico. E punta a predisporre una convenzione “tipo” con i proprietari degli immobili che insistono nell’area Duc, come già avviene in altre città italiane (Brescia, Pavia, Bergamo, Parma). Questa azione dovrà essere supportata dalle associazioni di categoria dei proprietari degli immobili che dovranno essere inseriti tra i soggetti attuatori del Duc.

Inoltre si prevedono interventi che favoriscano la “digitalizzazione” all’interno degli esercizi commerciali con adesione a piattaforme di e-commerce e incentivi economici a favore degli esercizi per iniziative volte ad ammodernare i locali e le attività. E’ poi in programma la creazione di nuovi percorsi pedonali a misura di bambini (e di tutte le persone) coinvolgendo piazza Santa Marta e piazza Fiume. Verrà infine attuato un coordinamento delle manifestazioni culturali e di promozione del territorio.

Una volta ottenuto il riconoscimento di Distretto Urbano del Commercio da parte della Regione Piemonte, parallelamente al crono programma di Biella Green Deal sarà individuato il manager di Distretto, saranno avviati corsi di formazioni agli esercenti aderenti, gli incontri con i proprietari degli immobili e il lancio di una campagna di marketing mirata e continuativa.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *