La Provincia di Biella > Attualità > 500mila euro per la manutenzione del viadotto stradale di Salussola
AttualitàCircondario -

500mila euro per la manutenzione del viadotto stradale di Salussola

Viadotto sull'Elvo

500mila euro per la manutenzione del viadotto stradale di Salussola.
Viadotto sull’Elvo
L’amministrazione provinciale di Biella ha pubblicato il bando per lavori di straordinaria manutenzione del viadotto sul torrente Elvo. L’importo a base d’asta è di 351mila euro anche se con Iva e oneri vari l’impegno sarà di circa mezzo milione di euro. La scadenza per la presentazione delle domande è il 20 settembre. I lavori programmati seguono le prove di staticità eseguite nell’ottobre 2017 attraverso il posizionamento sul viadotto di cinque camion carichi di materiale per un peso complessivo di 2000 quintali. Le prove confermarono la solidità della struttura – vecchia di 40 anni e attraversata quotidianamente da 12mila tra auto e autocarri – non escludendo però la necessità di interventi manutentivi, una sorta di “tagliando” oggetto, appunto, del bando appena pubblicato,
Nei giorni scorsi all’indomani della tragedia di Genova, il sindaco di Salussola, Carlo Cabrio in una videointervista aveva sollecitato l’effettuazione dell’intervento chiamando direttamente in causa la stessa Provincia, responsabile del tratto stradale. Modi e termini che non sono piaciuti al presidente Emanuele Ramella Pralungo che sulla questione ha riposto con altrettanta verve polemica.
«Non ho potuto fare a meno di imbattermi nella videointervista che hai rilasciato ad un sito di notizie on-line, attraverso la quale, da un canto ringrazi la Provincia per i test di carico statici e dall’altro solleciti l’intervento di cui hai già avuto garanzia di esecuzione.

Al riguardo non posso che dimostrarti, ancora una volta, la mia più totale contrarietà al tuo modo di agire, ovviamente ferma restando la tua libertà di approcciare le questioni, ma ritengo utile spiegarti i motivi di quanto appena affermato. Noi siamo colleghi, amministratori pubblici e dunque rappresentiamo i nostri Enti e ci assumiamo quotidianamente una infinità di responsabilità nei confronti dei nostri cittadini. Sono fermamente convinto che un approccio volto ad ottenere visibilità non sia rispettoso dei ruoli che ricopriamo: non mi sono mai negato al telefono, non ho mai rifiutato un incontro e ho sempre dimostrato la massima disponibilità nei confronti di tutti i Sindaci e di tutti i cittadini. Quindi mi chiedo perché io debba trovarmi di fronte a dichiarazioni rilasciate alla stampa, anziché avere un rapporto diretto con te e tutti i colleghi Sindaci, attraverso il quale costruire un confronto, magari anche acceso, da cui possano emergere le nostre posizioni, le nostre visioni e le nostre esigenze, ma che alla fine possa essere concreto e costruttivo nell’individuare soluzioni condivise.
«Per di più – prosegue Ramella in questo caso specifico, credo che ti sarebbe davvero stata sufficiente una telefonata al sottoscritto, piuttosto che alla Dirigente del Servizio, perché tu potessi avere tutte le rassicurazioni del caso ed avresti potuto scoprire che l’avvio dell’iter della procedura di gara è risalente al 2 agosto»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente