La Provincia di Biella > Sport > Il credito d’imposta sulle sponsorizzazioni diventa realtà
Sport Biella Fuori provincia -

Il credito d’imposta sulle sponsorizzazioni diventa realtà

Dietrofront del Governo: lo ha annunciato Roberto Pella dopo un intervento in aula del ministro Spadafora.

BIELLA – «Sono lieto di apprendere dal Ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora, durante il question time in Aula, che ci sarà il credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive all’interno del prossimo provvedimento con lo scostamento di bilancio di luglio. Un emendamento anche da me fortemente sostenuto, ma di cui non è apparsa traccia durante le tre settimane di discussione del Dl Rilancio in Commissione Bilancio».

Ad annunciarlo (mercoledì pomeriggio, ndr) il deputato Roberto Pella, componente della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione. «Le aziende e tutti coloro che decidono di continuare a investire sul territorio per lo sviluppo dello sport, nonostante le gravi perdite economiche derivanti dal periodo di lockdown, vanno incoraggiate, sostenute, agevolate – prosegue ancora il sindaco di Valdengo (nella foto) -. L’iscrizione ai campionati è ora, così come la pianificazione di tutte le attività per il prossimo anno sportivo, per cui sarà fondamentale vigilare che ciò avvenga presto e concretamente. Le associazioni e le società sportive sono l’ossatura del mondo dello sport di base, punto di riferimento anche valoriale specie per le generazioni più giovani nelle comunità, e le risorse per adeguamenti normativi e avvio delle attività devono essere assicurate».

«Ringrazio il Ministro per aver accolto nel Decreto Rilancio due mie proposte in favore di enti territoriali e associazioni sul tema dell’impiantistica e del sistema regolatorio delle convenzioni e delle concessioni – conclude Pella -. La prossima battaglia è, tuttavia, ora alle porte e mi troverà impegnato senza sosta per far valere la ragionevolezza del credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive. Anche da sindaco di un territorio come il Biellese, a forte trazione imprenditoriale, ove rischiamo pesanti conseguenze da questa situazione per tutte le discipline sportive».

© riproduzione riservata