Seguici su

Senza categoria

Come scrivere un ottimo CV per candidarsi a lavori online

Provando a scriverne uno, si può comprendere come sia in realtà difficile trovare il giusto equilibrio da inserire nel proprio documento

Pubblicato

il

CV online (Pixabay)

Scrivere un CV di qualità di per sé non è complicato, ma può diventare davvero ostico talvolta. Provando a scriverne uno, si può comprendere facilmente come sia in realtà difficile trovare il giusto equilibrio da inserire nel proprio documento, indispensabile per candidarsi per un lavoro online.

Naturalmente, ci sono vari dettagli a cui dobbiamo prestare attenzione durante la scrittura e la modifica, ma la maggior parte delle aziende non avrà il tempo di concentrarsi meticolosamente su ogni parte del tuo curriculum. La maggior parte dei reclutatori analizzerà i tuoi risultati e le tue competenze; quindi, se possiedi le qualità indispensabili a quel lavoro online e sai come “venderle”, puoi ritenerti già ad un buon punto. Ecco alcuni consigli per scrivere il tuo CV per candidarti ad un lavoro online.

Chiediti questo: qual è il tuo obiettivo?

Il primo passo per costruire un curriculum convincente è porsi le domande giuste. Quali sono i tuoi obiettivi di carriera e perché vuoi raggiungerli? Cosa ti determina, cosa ti spinge a lavorare online? Perché ti piace lavorare da remoto? Dopo averlo capito, è tempo di far capire al tuo potenziale datore di lavoro il tuo ragionamento.

Nella tua lettera di presentazione, ad esempio, da allegare al CV assicurati di menzionare che il tuo obiettivo è lavorare da casa a causa di A, B e C, dove tutte e tre queste motivazioni sono supportate e ben strutturate. Alcune aziende sono scettiche nei confronti dei lavoratori online, in quanto pensano che potrebbero perdere tempo prezioso e concentrazione mentre si è a casa. Spiega loro perché questo non è il tuo caso.

Descrivi il tuo ambiente di lavoro in casa

I datori di lavoro devono assicurarsi che tu riesca a soddisfare le giuste condizioni di lavoro se stai facendo domanda per un lavoro online. Dovrai fornire loro una breve descrizione della tua postazione di lavoro. Questo mostrerà quanto sei professionale e concentrato e anche quanto seriamente tratti le cose.

Alcune aziende sono scettiche non solo per la possibilità di perdere tempo prezioso, ma anche perché potrebbero pensare che non si dispone dell’attrezzatura necessaria per poter lavorare al meglio. Dimostrare loro che possiedi queste caratteristiche è un grande aiuto in tal senso. Ad esempio, potresti illustrare il tuo PC e le caratteristiche hardware a grandi linee, oppure la velocità di connessione Internet di cui disponi (magari spiegando che hai già svolto conferenze, lavori o esami online con grande efficienza grazie a questa connessione).

Includi soltanto fatti rilevanti

Non ha senso includere la tua istruzione liceale se ti sei appena laureato. Quest’ultimo aspetto dovrebbe essere sufficiente, in questo caso. Includi abilità sia pratiche che teoriche, oppure soft skills ancora meglio, per dare al tuo curriculum un aspetto più “umano” ma al contempo professionale; non fare però troppo affidamento su di esse per ottenere il lavoro che desideri. Il tuo obiettivo dovrebbe essere ancora illustrare le competenze obbligatorie legate al lavoro online per cui ti candidi.

Per un lavoro online, ad esempio, fatti rilevanti potrebbero essere l’esperienza nell’utilizzo di determinati database management system, oppure di alcuni portali di scrittura come WordPress. Ma pensiamo anche alla gestione di un team, con varie app come Slack, Teams di Microsoft e quant’altro.

 Sfrutta le giuste parole chiave

Oggi, molte aziende utilizzano ATS o sistemi di tracciabilità dei candidati per scremare le candidature che arrivano all’azienda. Per superare questo sistema, devi essere ben consapevole dei trucchi da sfruttare. L’ATS esegue la scansione del tuo curriculum alla ricerca di parole chiave specifiche, quindi devi assolutamente includere quest’ultime. Se non le includerai, l’ATS molto probabilmente escluderà il tuo CV.

Suggerimento: se non riesci a trovare un numero sufficiente di parole chiave nella descrizione del lavoro, che potresti quindi inserire a tuo favore nel CV, cerca l’azienda sui social media e prova a trovare queste parole tramite post, immagini o altro. Controlla i loro account Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn e così via.

Le parole chiave non sono utili soltanto per superare gli ATS, però. Sono utili anche in seguito: se il CV dovesse passare la selezione infatti finirà in mano al datore di lavoro, il quale leggerà e cercherà subito le parole chiave delle tue competenze ed esperienze. Proprio queste parole chiave attireranno la sua attenzione e favoriranno quindi la tua visibilità.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *