Seguici su

Pausa Caffè

Ecco perchè il Ricetto non è un pub

Pubblicato

il

Mettiamoci il cuore nei grandi eventi biellesi. Gli alpini biellesi hanno penato per decenni per riuscire a portare la grande Adunata delle gloriose penne nere a Biella e poi, tutto si esaurisce con il metallico fragore dei registratori di cassa? 

CANDELO – Ci sono luoghi che hanno una loro sacralità, pur senza essere luoghi sacri. Posti che recano la testimonianza di una storia remota, vestigia di un passato che appartiene alla nostra cultura da generazioni. Uno di questi è certamente il Ricetto di Candelo, considerato tra i siti medievali meglio conservati d’Europa.

In un luogo come questo, a tante cose si può pensare meno che ad aprirvi una specie di pub abusivo che senza alcuna licenza faccia pagare un biglietto d’ingresso e venda superalcolici. Ed invece è accaduto anche questo e l’attività illecita è stata bloccata da un intervento congiunto di carabinieri e polizia municipale che hanno anche fermato, all’esterno del pub improvvisato, un paio di giovani in possesso di marjuana (uno dei quali pare fosse minorenne).

Ho abbastanza anni e mestiere per avere seguito, sin dagli inizi, conferenze e campagne per la prevenzione e la cura delle tossicodipendenze. Con risultati che non mi sembrano entusiasmanti. Altrettanto potrei dire per il malvezzo di stordirsi di superalcolici ogni sabato sera. Chi vuole drogarsi o ubriacarsi lo farà comunque, senza badare a chi lo avrà avvisato che così sta minando la propria esistenza. Ma ciò che ferisce è che tutto questo possa avvenire all’interno di un luogo come il Ricetto, custode silente della storia di un’intera comunità, rifugio che in tempi remoti vide lavoro, fatica, ansie, timori di tante persone che tra quelle mura cercarono riparo dalla violenza, dalle vessazioni, dalle prepotenze degli invasori di turno.

Non può ridursi sempre tutto ad alcol e spinelli. Nel Biellese vi sono decine di fabbriche dismesse, si usino quelle e si rispetti la storia e la sacralità laica dei luoghi che la custodiscono.

 

Continua a leggere le notizie de La Provincia di Biella e segui la nostra pagina Facebook

3 Commenti

1 Commento

  1. .

    25 Gennaio 2024 at 17:27

    🤡🤡🤡

  2. Giuseppe

    25 Gennaio 2024 at 17:35

    Ai lavori forzati,li metterei,delinquenti!!!🤬

  3. Giovanni

    25 Gennaio 2024 at 21:44

    Concordo, purtroppo tra le mura, nel passare del tempo cose simile si sono sempre fatte. A CANDELO senz’altro chifrequenta il Riceto, si ricorda del degrado degli anni passati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *