La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Schegge Sparse sul palco per ricordare Patrick
Eventi e culturaBiella -

Schegge Sparse sul palco per ricordare Patrick

La celebre tribute band di Ligabue si esibirà in un concerto dedicato alla memoria del cantante recentemente scomparso

La celebre tribute band di Ligabue si esibirà in un concerto dedicato alla memoria del cantante recentemente scomparso

«L’amore conta, conosci un altro modo per fregar la morte?» canta Luciano Ligabue in un suo celebre pezzo. Ed è proprio all’insegna dell’amore, quello della generosità e del ricordo, che le Schegge Sparse, celebre tribute band dedicata al Liga, saliranno sul palco nel giorno degli innamorati per mettere in scena un concerto suonato davvero col cuore.

Domani sera al Teatro Sociale Villani di Biella, ore 21, il gruppo biellese si esibirà in una serata intitolata “Patrick angelo della nebbia”, dedicata al ricordo di Patrick Perissinotto, ex voce e leader del gruppo. Il musicista è venuto a mancare lo scorso ottobre, a soli 37 anni, per un arresto cardiaco: la band ha continuato anche in sua memoria un’attività iniziata 16 anni fa, nel 1998, anno dal quale le Schegge Sparse hanno cominciato ad esibirsi, dapprima sui palchi locali, fino ad arrivare alla scena nazionale e alla televisione. Joe Bonfante (basso), Alberto Schiapparelli (chitarra), Alessandro Rostellato (chitarra), Paolo Gilardo (tastiere) e Emanuele Pella (batteria) andranno in scena nella serata speciale di venerdì sera insieme a molti ospiti che hanno condiviso con Patrick musica, sogni e passioni.

La generosità sta nella scelta di devolvere tutte le offerte della serata, a ingresso libero, alla famiglia di un piccolo grande biellese che la morte è riuscito davvero a “fregarla”: Francesco Nisticò, balzato recentemente agli onori della cronaca per la storia della sua malattia, l’estate scorsa si è scoperto, a soli 3 anni, malato di un tumore al cervello. La sua storia ha commosso e tenuto in sospeso i concittadini biellesi fino ad oggi: proprio di questi giorni l’inaspettata e gioiosa notizia della sua guarigione, che il bambino dai grandi occhi azzurri annuncia gridando in un video su Facebook: «Sono guarito!».

La serata in programma sarà dunque occasione di festeggiare il lieto evento, colorando di rock sia la malinconia per chi non c’è più sia la felicità per chi è riuscito a vincere una dura battaglia.

Articolo precedente
Articolo precedente