Seguici su

Eventi e cultura

Cavaglià, un calendario maschile senza veli realizzato a scopo benefico

Pubblicato

il

CAVAGLIA’ – Senza veli contro il Covid, anzi, contro il grande disagio causato della pandemia. A scendere in campo sono i fratelli Daniele e Andrea Perotto, titolari di un’officina meccanica.

Visto che l’economia affonda e, come si suol dire, “siamo ridotti in mutande”, i fratelli Perotto lo sono davvero, ma in segno della solidarietà, difatti, posano nudi tra le pagine di un calendario che poi sarà venduto per beneficenza, e con il ricavato, verranno acquistati generi alimentari da distribuire agli indigenti residenti in paese.

Com’è nata l’idea di realizzare questo calendario senza veli?

«Semplice, il messaggio che vogliamo lanciare è questo: “siamo in mutande ma non ci arrendiamo”, così abbiamo deciso di metterci a nudo per beneficenza».

Quindi la finalità dell’iniziativa è del tutto benefica?

«Si, il ricavato dalla vendita del calendario andrà a sostenere chi oggi si trova in difficoltà economica a causa del Covid-19».

Ma nelle fotografie dei 12 mesi sono ritratti solamente i fratelli Perotto?

«Assolutamente no, hanno postato nudi altri 11 esercenti presenti in paese. Si sono fatti fotografare all’interno delle loro attività, ma non sveliamo le loro identità, si potrà sapere di chi si tratta solamente acquistando il calendario».

Posare in mutande davanti all’obbiettivo di una macchina fotografica che emozione si prova? eravate tesi?

«No, è stato come posare per una normale e semplice fotografia. Quello che vogliamo far passare non è esibizionismo o per aumentare il nostro ego, bensì una provocazione, non siamo abituati ad arrenderci e anche se ancora oggi le imprese italiane sono messe a dura prova, siamo pronti per unirci e a creare qualcosa che ci aiuti e che permetta di aiutare chi ha bisogno».

Quindi quale reazione vi aspettate dalla gente che sfoglierà il calendario?

«Vorremmo strappare loro anche un solo sorriso, saremmo già contenti».

La notizia dell’iniziativa l’avete resa nota voi attraverso il vostro profilo di Facebook, com’è stata accolta?

«Benissimo, nel giro di poche ore abbiamo raccolto decine di consensi positivi».

Si tratta di fotografie scattate così alla buona, oppure sono state realizzate da un fotografo professionista?

«Sono 12 scatti fotografici di nudo artistico, curati dalla fotografa professionista Elisa Pescina. A tal proposito vorremmo ringraziarla, difatti, ha realizzato il servizio a titolo gratuito».

I calendari verranno venduti direttamente da voi?

«Si, al costo di 10 euro. Per acquistarli basta contattarci direttamente su Facebook».

Intanto proprio su Facebook i commenti abbondano. Sono tutti scherzosi e simpatici, proprio ciò che ci vuole nei confronti di chi, come in questo caso ha messo a disposizione anima e soprattutto (è il caso di sottolinearlo) il corpo per una giusta causa.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *