Seguici su

Biella

Statua sparita ai Faggi: “Scorretto pubblicare la foto di Cosimo Napolitano”

Scrive l’avv. Giuseppe D’Amico

Pubblicato

il

BIELLA – Ieri abbiamo pubblicato la notizia di una statua sparita dal Circolo Tennis I Faggi di Biella dell’artista mantovano Aldo Andreani, morto nel 1971. Il valore stimato varia dai 150 ai 250mila euro.

Secondo la denuncia presentata dai parenti del maestro, la sparizione sarebbe avvenuta nel lungo periodo in cui il circolo è rimasto senza gestore.

Alla notizia abbiamo abbinato una fotografia di Cosimo Napolitano. Ovviamente, l’ex gestore non c’entra nulla con il furto, ma è stata scelta la sua immagine in quanto volto storico dei Faggi. La precisazione ci viene chiesta dall’avv. Giuseppe D’Amico con la lettera che riportiamo integralmente.

Articolo pubblicato sull’edizione del 20/5/2021: Giallo sulla statua sparita dal circolo “I faggi “. Vi scrivo su incarico del signor Napolitano Cosimo che ritiene sia stato leso il suo decoro e la sua reputazione dall’articolo pubblicato sul vs. giornale lo scorso 20/5/2021. Detto articolo si caratterizza per il maldestro accostamento tra la precedente gestione del Circolo I Faggi, affidata al mio cliente, ed il furto di una statua di notevole valore .
Ovviamente (e ci mancherebbe altro!) nessuno accusa in modo esplicito il signor Napolitano di aver perpetrato un reato di furto, tuttavia inserire la sua foto accanto al titolo dell’articolo in cui si afferma che “nel cambio di gestione è sparita una statua da 200.000,00 euro” non è un modo corretto di fare cronaca perché induce il lettore a collegare il furto della preziosa statua alla foto e quindi alla persona del mio assistito.
Tralascio le altre inesattezze dell’articolo (nel luglio 2019 non ci fu alcun cambio di gestione, avvenuto nel gennaio 2020) che tuttavia denotano una leggerezza che stride con la presunta gravità dello notizia. Non ritengo di dover agire legalmente e tuttavia ritengo che l’induzione in errore, seppur non intenzionale, meriti da parte vostra quantomeno una nota di scuse. Chiedo comunque la pubblicazione della presente nota di precisazione a prova della vostra correttezza professionale e del rispetto della persona.
Distinti saluti.
Avv. Giuseppe D’Amico

 

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *