La Provincia di Biella > Cronaca > Intervengono per una madre maltrattata e trovano la droga: due arresti nel Biellese
Cronaca Basso Biellese Cossatese -

Intervengono per una madre maltrattata e trovano la droga: due arresti nel Biellese

In carcere il figlio, obbligo di firma per un altro familiare

COSSATO – I carabinieri erano intervenuti per l’ennesimo deprecabile episodio di maltrattamenti, ma in casa hanno trovato anche droga e piante di cannabis: arrestate due persone.

Madre maltrattata dal figlio

Da tempo una donna residente nel Biellese orientale subiva maltrattamenti da parte del figlio e solo l’ultima volta, la notte di venerdì, in preda alla disperazione per le percosse subite, ha chiesto l’aiuto dei carabinieri. I militari sono intervenuti con tre pattuglie provenienti dalle caserme di Cossato, Bioglio e Valle Mosso e, resisi conto della situazione, hanno prestato la prima assistenza alla malcapitata.

Giunta un’ambulanza del 118, la vittima è stata accompagnata in ospedale dove le sono stati diagnosticati lievi traumi risultati guaribili con pochi giorni di prognosi.

Violenze ripetute, arrestato il figlio

Raccolte le testimonianze e ricostruiti i fatti, è emerso un quadro di ripetute violenze tanto che i carabinieri hanno arrestato il giovane e trasmesso un dettagliato rapporto alla Procura della Repubblica di Biella, che ne ha disposto la traduzione in carcere.

In casa c’erano hashish, marijuana e piante di cannabis: arrestato un altro familiare

Nella stessa circostanza, i carabinieri hanno anche rinvenuto alcuni barattoli contenenti hashish e marijuana e, da una più accurata ispezione, una serra nella quale venivano coltivate altre 15 piante di marijuana.

La sostanza stupefacente è risultata essere riconducibile ad un altro familiare che, per questo motivo, è stato anch’egli arrestato. Per l’uomo l’Autorità giudiziaria ha disposto la presentazione direttissima davanti al Giudice, che nella mattinata di sabato ha convalidato l’arresto e disposto la scarcerazione con l’obbligo di firma presso il Comando dell’Arma locale.

© riproduzione riservata